USA: National Security Agency-I migliori talenti se ne stanno andando a causa della bassa retribuzione, del morale in calo e di una riorganizzazione della struttura non condivisa

Views

Secondo quanto riportato dal Washington Post, la NSA, Agenzia per la sicurezza nazionale americana, sta perdendo i suoi migliori talenti a un tasso preoccupante dato che il personale altamente qualificato, un po’ disilluso dalla leadership del servizio di spionaggio e da una riorganizzazione non ben accetta, trova impiego in lavori più remunerativi e più flessibili nel settore privato.

Secondo gli attuali e i precedenti funzionari degli Stati Uniti con conoscenza della questione, dal 2015 la NSA ha perso diverse centinaia di hacker, ingegneri e analisti dati, provocando, quindi, un significativo impatto sulla sicurezza nazionale.

Con sede a Fort Meade nel Maryland, la NSA impiega una forza lavoro civile di circa 21.000 persone ed è il più grande produttore d‘intelligence tra le 17 agenzie di spionaggio della nazione.

Le persone che se ne sono andate sono state responsabili della raccolta e dell’analisi dell’intelligence che partecipa al briefing quotidiano del presidente.

Il loro lavoro comprendeva anche il monitoraggio di un’ampia gamma di argomenti, inclusi gli hacker dello Stato islamico, della Russia e della Corea del Nord, e l’analisi delle intenzioni dei governi stranieri. Gli stessi erano altresì responsabili della protezione delle reti classificate che trasmettono informazioni riservate.

Ellison Anne Williams, ex ricercatrice senior dell’NSA che ha lasciato nel 2016 per avviare la propria società di sicurezza dei dati, Enveil, e che oggi ha più di 10 impiegati provenienti proprio dalla NSA, ha detto che un sinonimo della parola “epidemia” sarebbe il modo migliore per descrivere questo fenomeno . La ricercatrice ha aggiunto che l’Agenzia sta perdendo una quantità incredibile del suo talento tecnico più forte. La perdita di uno staff brillante e preparato è un brutto colpo per l’Agenzia.

La NSA non rivelerebbe quanti posti di lavoro vacanti ha.

I funzionari dell’Agenzia hanno affermato che il tasso di perdita sarebbe del 5,6% del personale specializzato in scienze, tecnologia e matematica, tra l’8-9% degli hacker e di coloro che gestiscono il monitoraggio del centro di guardia sempre attivo per gli attacchi informatici.

Secondo un funzionario dell’intelligence, che ha parlato in condizioni di anonimato, sebbene i tassi di partenza siano bassi, alcuni gruppi all’interno della NSA hanno perso quasi la metà del loro personale, di conseguenza, i progetti per rendere la raccolta di intelligence più efficace sono stati tagliati o rallentati.

Nonostante l’Agenzia stia occupando i posti vacanti, la maggior parte del nuovo personale manca dell’esperienza di coloro che se ne sono andati. Tale deficit di esperienza può impedire la missione principale della NSA di raccogliere e analizzare le masse di dati che l’agenzia solleva dalle reti straniere.

È un momento turbolento nella storia dei 65 anni della NSA. L’Agenzia continua ad affrontare la sfiducia del pubblico dopo le rivelazioni, fatte dall’ex contrattista Edward Snowden nel 2013, sulla questione della sorveglianza sui cittadini americani. Da quelle rivelazioni il pubblico non si è ancora completamente ripreso. Più recentemente, la forza lavoro è stata scossa da una serie di violazioni che hanno colpito gli strumenti di hacking altamente sensibili dell’agenzia.

Un’altra fonte di frustrazione è una riorganizzazione in corso che ha fuso la missione di spionaggio elettronico altamente segreta della NSA con la sua più ampia operazione di difesa della rete pubblica, insieme ad altre modifiche. Il direttore della NSA Michael S. Rogers, un ammiraglio della Marina che sovrintende anche al comando Cyber ​​militare, ha lanciato l’NSA 21 per abbattere quelli che ha definito “muri di granito” tra le divisioni le cui missioni, a suo parere, si completano a vicenda.

Ex dipendenti hanno espresso una serie di reclami. Alcuni ritengono che le loro missioni siano state marginalizzate dalla ristrutturazione, altri definiscono la riorganizzazione “un’enorme distrazione”, lamentandosi di un processo di approvvigionamento inefficiente che ha reso difficile ottenere anche semplici strumenti di sviluppo open source, altri criticano la struttura retributiva dell’Agenzia e il suo sistema di promozione, che favorisce l’anzianità rispetto all’abilità e alla competenza.

Una serie di violazioni a partire da Snowden e l’arresto dell’ex appaltatore Harold T. Martin III nel 2016 hanno portato a nuove precauzioni di sicurezza. Tali restrizioni all’accesso ai dati hanno reso il lavoro più difficile e hanno contribuito a creare un clima di sospetto reciproco. Le persone “tendono a lasciare in blocco”.

“In questo momento, l’NSA sta vivendo uno stress costante e inesorabile”… l’Agenzia ha resistito ad altri periodi di forte ansietà perché c’era coesione nella forza lavoro e un leader che poteva ispirarli. “Il grande cambiamento in questi giorni è che c’è uno squilibrio tra domanda e offerta tra l’esterno e l’interno ha detto un ex alto funzionario dell’intelligence al Washington Post.

Il settore privato americano sta lottando per riempire più di 270.000 posti di lavoro in sicurezza informatica, secondo Burning Glass Technologies, un’azienda di analisi del lavoro. Alcuni alti funzionari dicono che il deflusso in parte riflette un cambiamento culturale in cui le nuove generazioni non sono inclini a rimanere in un posto di lavoro per un’intera carriera. E deriva anche da un numero sproporzionato di pensionamenti di persone che sono entrate nell’agenzia negli anni ’80 durante un boom di assunzioni.

Chissà quali altre conseguenze ne deriveranno dallo stress che la NSA sta vivendo. Daniel Ennis, che ha supervisionato il centro operativo delle operazioni dell’agenzia prima di ritirarsi nel 2015 dopo 33 anni, ora a capo dell’intelligence cyberthreat avanzata per BlueteamGlobal, un’azienda privata di cybersecurity ha dichiarato: “La NSA si riprende sempre”.

 

 

USA: National Security Agency-I migliori talenti se ne stanno andando a causa della bassa retribuzione, del morale in calo e di una riorganizzazione della struttura non condivisa

PRP Channel, Sicurezza |