Argentina: continuano le ricerche del  sottomarino “San Juan” – rilevati sette tentativi di chiamata satellitare

Views

Secondo quanto si legge in un comunicato del Ministero della Difesa argentina, il sottomarino dell’Armata navale argentina “Ara San Juan”, scomparso mercoledì scorso con 44 persone a bordo, ha tentato ieri di mettersi in contatto con diverse basi dell’esercito. Sono stati rilevati infatti sette tentativi falliti di chiamata satellitare realizzati con ogni probabilità dal sommergibile tra le ore 10.52 e 15.42. L’esercito argentino, riferisce il quotidiano “La Nacion”, si è avvalso della collaborazione di una società statunitense specializzata nell’identificare l’ubicazione precisa dei segnali satellitari.

L’ultima posizione rilevata si trova a 240 miglia nautiche (432 chilometri) dalla costa. Le autorità navali suppongono che il sottomarino della classe TR-1700, di fabbricazione tedesca potrebbe aver registrato un problema energetico e per questo si sarebbero interrotti improvvisamente i contatti radio con la Base navale del porto General Belgrano. Le operazioni di ricerca sono iniziate nelle prime ore della giornata del 16 novembre e, secondo quanto riferito dalla Marina militare, coinvolgono la nave corvetta “Rosales”, il distruttore “Sarandi’” che dispone di un elicottero a bordo, un aereo Turbo Tracker ed un B200 dell’aeronautica.

Nei giorni scorsi la Gran Bretagna, che dispone di una intera flotta dislocata nelle Isole Falklands, sulla cui sovranità permane la disputa con l’Argentina, ha offerto aiuto logistico e scambio di informazioni. Allo stesso modo, anche le autorità navali cilene e brasiliane hanno offerto il loro aiuto nelle ricerche. Il sommergibile San Juan era stato sottoposto a una revisione completa nell’anno 2008, un procedimento complesso che ha richiesto due anni di lavori e l’adeguamento dei cantieri navali del “Complesso industriale navale argentino” (Cinar) estendendo la vita del sottomarino per altri 30 anni.

Argentina: continuano le ricerche del sottomarino “San Juan” – rilevati sette tentativi di chiamata satellitare

CRONACHE, Difesa, PRP Channel |