ONG, Orlando con Minniti alcuna frizione Zuccaro valutazioni politiche

Views

Non ci sono, per quanto ne sappia, profili disciplinari, rivelazioni di segreto. Ci sono naturalmente valutazioni di opportunita’, che possono essere diverse, ma io non posso censurare qualcuno perche’ esprime una valutazione di tipo politico”. Lo afferma, in merito alle dichiarazioni del procuratore di Catania Zuccaro sulle Ong e i migranti, il ministro della Giustizia Andrea Orlando, in un’intervista alla Stampa in cui nega l’esistenza di frizioni con il ministro dell’Interno: “Con Minniti c’e’ un’identita’ totale”. Sulle critiche mosse dall’esponente M5s Luigi Di Maio, “non ho bisogno certo delle sollecitazioni di Di Maio per facilitare il lavoro dei magistrati e, in questo caso, aiutare la Procura di Catania. Anche con piu’ mezzi. Siamo pronti a dare un mano in piu’ anche sul fronte tecnico delle intercettazioni”, dichiara Orlando. “La differenza e’ che noi di queste cose ci occupiamo tutti i giorni, non le facciamo con i comunicati stampa o sui social”. Il Guardasigilli esclude che al ministero dell’Interno ci siano simpatizzanti di Di Maio. “Non credo che al Viminale ci siano queste simpatie, e non credo che Di Maio ammicchi a qualche gruppo, anzi credo che strumentalizzi e basta”, dice. “Il capo di gabinetto del ministero, Mario Morcone, e’ un prefetto che ha lavorato una vita sull’immigrazione, e conosce meglio di tutti qual e’ il ruolo fondamentale delle Ong. Se l’Italia ha fatto cosi’ bene il lavoro affidatole in Frontex, e’ stato anche grazie all’aiuto di tante di queste Ong”. Nell’intervista, Orlando parla poi della Procura europea: “Abbiamo chiesto di rafforzarne i poteri. A Roma abbiamo avuto un incontro con Francia e Germania in cui nostre  ragioni sono state almeno in parte accolte: era la condizione minima per cui ora possiamo rientrare nella cooperazione rafforzata sulla Procura europea.

di Refazione

foto Rete8

ONG, Orlando con Minniti alcuna frizione Zuccaro valutazioni politiche

CRONACHE, Difesa, ITALIA, MONDO |