Barricato in casa ha sfidato le forze dell’ordine. Interviene l’Api

Views
   

L’uomo di 49 anni che si e’ barricato in casa, a San Pietro Val Lemina, nel Pinerolese, probabilmente voleva essere ucciso e avrebbe rivelato di essersi ispirato alla trama del film ‘Il Negoziatore’ del 1998 interpretato da Kevin Spacey e Samuel L. Jackson. “Conosco le vostre tecniche di intervento”, avrebbe detto ai carabinieri che l’hanno bloccato. Si era affacciato piu’ volte sul balcone con una pistola in pugno, probabilmente in segno di sfida. E ha esploso due colpi di pistola contro i carabinieri. E’ stato decisivo l’intervento delle Api (Aliquota Primo Intervento), gruppi antiterrorismo creati per volonta’ del comandante generale dell’Arma, generale Tullio Del Sette. Per oltre sette ore l’uomo, alto 1.80 e pesante oltre 100 chili, con una figlia di 14 anni, e’ rimasto barricato in casa a San Pietro Val Lemina. Il negoziatore, dopo ore di colloquio, gli ha chiesto di uscire di casa perche’ “voleva vederlo in faccia per un momento”. A quel punto sono entrati in azione gli specialisti gli operatori dell’ Api.

Approfondimenti Api

Uomini accuratamente selezionati per contrastare il pericolo Isis. Militari che vengono per lo più dalla territoriale, ma che hanno esperienze pregresse nel reggimento paracadutisti Tuscania, al nucleo radiomobile o che provengono dai reparti dell’Esercito. Sono aliquote in grado di intervenire in pochi minuti per un primo intervento utile a «cristallizzare la situazione», prima dell’arrivo delle Sos (Squadre operative di supporto) o dei reparti speciali. Sono gruppi di nuova generazione, insomma, il cui addestramento, per le prime quattro settimane, è affidato al Gis (Gruppo di intervento speciale).