Conferenza OSCE sul contrasto alla corruzione

Views

Il Sottosegretario Ferraresi: ‘con crisi pandemica occorre aumentare impegno su trasparenza e nuove tecnologie’’

Ottimizzare l’uso delle nuove tecnologie sperimentate nella fase acuta della pandemia, aumentare la trasparenza nella pubblica amministrazione e potenziare la cooperazione internazionale. Sono questi i principali elementi su cui si sta orientando l’azione del Ministero della Giustizia per il contrasto alla corruzione. Lo ha sottolineato ieri il Sottosegretario alla Giustizia, Vittorio Ferraresi, in occasione del vertice OSCE, indetto dalla Presidenza albanese.

‘’L’Italia è sempre stata in prima linea sulla promozione di politiche anticorruzione e condivide fortemente un approccio transnazionale, che si nutre quindi dello scambio di esperienze e nuovi metodi’’, ha detto il Sottosegretario. ‘’Il Ministero della Giustizia, in particolare, continua a promuovere e intensificare il ricorso da parte delle autorità giudiziarie alle squadre investigative comuni, lo strumento più innovativo ed efficace tra quelli introdotti nel campo della cooperazione giudiziaria negli ultimi 20 anni. Insieme al rafforzamento delle sanzioni contro la corruzione, l’Italia sta elaborando politiche di prevenzione incentrate sulla trasparenza della pubblica amministrazione.”.

‘’Come sappiamo’’, ha continuato, ‘’la corruzione costituisce ancora oggi una questione aperta in molti Paesi e rappresenta uno dei principali ostacoli per l’effettiva affermazione dello Stato di diritto. In tempi di pandemia e di crisi mondiale occorre dunque aumentare l’impegno e utilizzare anche le nuove tecnologie sperimentate in questa fase per contrastare i possibili nuovi focolai di corruzione’’.

Ferraresi ha poi ricordato che la legge cosiddetta ‘Spazzacorrotti’, una delle più incisive azioni messe in atto da questo Governo sui reati contro la pubblica amministrazione, ‘’ha introdotto il recupero del profitto dei reati commessi, la riparazione del danno, l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e il divieto a contrarre con la pubblica amministrazione. Inoltre’’, ha concluso, ‘è stata estesa la disciplina delle operazioni sotto copertura.’’.

Conferenza OSCE sul contrasto alla corruzione