Conosciamo l’apparato di Putin che spaventa il mondo

Views

A seguito dell’invasione della Russia in Ucraina è opportuno conoscere meglio l’apparato statale che consente allo zar moderno, Vladimir Putin di tenere sotto scacco il mondo intero. A fronte di un Pil di poco più di 1700 dollari Usa (anno 2020) , Mosca spende ogni anno circa il 4 per cento in spese militari (70 miliardi di dollari). Le maggiori fonti di reddito interno derivano dalla vendita del gas, petrolio, alluminio e acciaio mentre la dipendenza estera è concentrata per lo più dall’esigenza di importare materie prime.

Il personale militare russo impiegato all’estero (fonte Factbook Cia). 3.000-5.000 Armenia, 1.500 Bielorussia, 7.000-10.000 Georgia; 100 Repubblica Centrafricana, 500 Kirghizistan, 1.500-2.000 Moldova (Transnistria), 3.000-5.000 Siria, 5.000-7.000 Tagikistan, 190.000 Ucraina. La Russia a partire dal 2020 ha dispiegato circa 2.000 uomini per il mantenimento della pace nell’area del Nagorno-Karabakh e dintorni come parte di un accordo di tregua tra Armenia e Azerbaigian. Alla fine del 2021, la Russia ha inviato un numero considerevole di contractors nella Repubblica Centrafricana (circa 1-2000), in Libia (1-2.000) e in Mali (circa 1000).

Forze armate della Federazione Russa. Esercito (trecentomila), Marina (centocinquantamila), Aeronautica (quarantamila), Forze aerospaziali (centosessantamila), Truppe aviotrasportate e truppe missilistiche (settantamila) a scopo strategico denominate comunemente forze missilistiche strategiche. Forze Speciali (ventimila) e uomini dedicati al cyber, logistica, comando e controllo e sicurezza (centomila).

Guardia Nazionale Federale della Federazione Russa (FSVNG) creata nel 2016 come agenzia indipendente per la sicurezza interna dedita alla lotta al terrorismo, al  traffico di stupefacenti, alla protezione di importanti strutture statali e del personale governativo, e alla sicurezza delle frontiere (duecentocinquantamila unità).

Le dispute di Mosca all’estero

La Russia è impegnata nel contrastare il contrabbando di derivati ​​del papavero dall’Afghanistan attraverso i paesi dell’Asia centrale.

Cina e Russia hanno definito nel 2004 una secolare controversia ai confini sulle isole contese Amur e Ussuri e sul fiume Argun.

Permane, invece, una disputa sulla sovranità delle  isole di Etorofu, Kunashiri, Shikotan e Habomai, noti in Giappone come “Territori del Nord” e in Russia come “Curili meridionali”, occupate dall’Unione Sovietica nel 1945, ora amministrate dalla Russia, ma rivendicate dal Giappone.

Il sostegno militare della Russia e il successivo riconoscimento dell’indipendenza dell’Abkhazia e dell’Ossezia meridionale nel 2008 continuano a inasprire le relazioni con la Georgia.

Azerbaigian, Kazakistan e Russia hanno ratificato trattati di delimitazione dei fondali del Mar Caspio basati sull’equidistanza, mentre l’Iran continua a insistere pretese su una fetta di mare nella stessa area.

Norvegia e Russia hanno firmato un accordo globale sui confini marittimi nel 2010.

Diverse sensibilità in Finlandia sostengono il ripristino della Carelia e di altre aree cedute all’Unione Sovietica dopo la seconda guerra mondiale, ma il governo finlandese non ha mai avanzato alcuna richiesta territoriale formale.

Russia ed Estonia hanno firmato un accordo sul confine tecnico nel maggio 2005. Il parlamento estone ha aggiunto al suo atto di ratifica interna un preambolo storico che fa riferimento all’occupazione sovietica e ai confini dell’Estonia prebellica, ai sensi del Trattato di Tartu del 1920. La Russia sostiene che il preambolo consente all’Estonia di avanzare rivendicazioni territoriali sulla Russia in futuro, mentre i funzionari estoni negano che il preambolo abbia un impatto legale sul testo del trattato.

La Russia chiede un trattamento migliore della popolazione di lingua russa in Estonia e Lettonia.

Lituania e Russia si sono impegnate a delimitare i propri confini nel 2006, in conformità con il trattato terrestre e marittimo ratificato dalla Russia nel maggio 2003 e dalla Lituania nel 1999. La Lituania applica un regime di transito semplificato per i cittadini russi che viaggiano dall’ex enclave costiera di Kaliningrad, pur rimanendo conforme, in quanto Stato membro dell’UE con un confine esterno dell’UE, dove si applicano le regole di frontiera “Schengen”.

La delimitazione dei confini del Kazakistan e della Russia è stata ratificata nel novembre 2005 e la demarcazione del campo dovrebbe iniziare nel 2007.

La Duma russa non ha ancora ratificato l’accordo sui confini marittimi del Mare di Bering del 1990 con gli Stati Uniti.

La Danimarca (Groenlandia) e la Norvegia hanno presentato osservazioni alla Commissione sui limiti della piattaforma continentale (CLCS) e la Russia sta raccogliendo dati aggiuntivi per ampliare la sua presentazione CLCS del 2001.

Gli armamenti russi di nuova generazione

Nel 2022, le forze di terra, aviotrasportate e le truppe costiere russe riceveranno oltre 1.000 pezzi di equipaggiamento.

Missili da crociera ipersonici antinave Zircon

Il 24 dicembre scorso, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato il successo del lancio a salve dei missili Zircon. Questo lancio di prova ha segnato una pietra miliare in molti anni di lavori di sviluppo e test. Il ministro della difesa Sergei Shoygu ha parlato delle forniture di serie del nuovo missile nel 2022. Nell’ambito dei test, il missile è stato lanciato dal sottomarino Severodvinsk e poi dalla fregata Admiral Gorshkov.

Sistema missilistico strategico RS-28 Sarmat

Secondo il ministro della difesa Shoygu, le Forze missilistiche strategiche della Russia riceveranno 21 lanciatori con missili balistici intercontinentali, tra cui il missile Sarmat. In precedenza, il comandante delle Forze Missilistiche Strategiche, il colonnello generale Sergei Karakaev, ha dichiarato che il primo reggimento armato con il Sarmat ICBM prenderà servizio in combattimento nel 2022. Si ritiene che l’RS-28 Sarmat possa lanciare una testata del peso di dieci tonnellate in qualsiasi parte del mondo. Il futuro sistema missilistico strategico basato su silo sostituirà i missili R-36M2 Voevoda.

Sistema missilistico antiaereo Gibka-S

Nel 2022, le unità di difesa aerea riceveranno per la prima volta i sistemi missilistici antiaerei Gibka-S. Il tenente generale Alexander Leonov, il capo della difesa aerea militare delle forze armate russe, ha detto che il nuovo sistema di difesa aerea ha ricevuto attrezzature di ricognizione e un sistema di controllo automatico. Questo permette ai militari di mantenere il servizio 24 ore su 24 e controllare il fuoco in tempo reale. Il sistema Gibka-S è diventato il primo complesso semovente russo di corto e ultra-corto raggio del tipo VSHORAD (Very Short-Range Air Defense). Questo sistema di difesa aerea può colpire aerei, elicotteri, droni e missili da crociera che volano ad una quota minima. Gibka-S utilizza munizioni per sistemi di difesa aerea portatili (MANPADS), come Igla, Igla-S e Verba.

Elicottero da ricognizione e attacco Ka-52M

Durante il forum militare-tecnico internazionale Army-2021, che si è tenuto in agosto, il Ministero della Difesa e la Russian Helicopters Holding Company hanno firmato un contratto per le forniture di elicotteri Ka-52M aggiornati. Come parte dell’accordo, l’esercito riceverà 30 elicotteri da ricognizione e d’attacco. Le forniture degli elicotteri inizieranno nel 2022, ha detto una fonte dell’industria aeronautica. Il Ka-52M è stato aggiornato con il sistema optoelettronico e un nuovo sistema radar dotato di un array di antenne a fase attiva. Inoltre, l’elicottero aggiornato sarà in grado di trasportare nuove armi, compresi i missili Ataka, Vikhr e Vikhr-M.

Droni KUB-UAV

Nel 2022, l’esercito russo riceverà un nuovo tipo di arma. Il 17 dicembre, il servizio stampa di ZALA Aero (parte del gruppo di società Kalashnikov) ha annunciato il completamento con successo dei test del drone KUB-UAV. Il veicolo è stato raccomandato per l’adozione, mentre le sue forniture potrebbero iniziare nel 2022. Il KUB-UAV è dotato di un motore elettrico che assicura una velocità massima fino a 130 chilometri all’ora. Il veicolo può volare fino a 30 minuti. La sua testata pesa tre chili.

Complesso robotico Uran-9

In ottobre, il comandante in capo delle forze di terra, il generale dell’esercito Oleg Salyukov, ha annunciato che l’operazione militare sperimentale dei robot da combattimento Uran-9 avrebbe avuto luogo nel 2022. Dopo questa fase, l’esercito determinerà il numero di sistemi robotici da acquistare. Nel 2021, i sistemi Uran-9 sono stati utilizzati con successo nelle esercitazioni strategiche congiunte Zapad 2021 di Russia e Bielorussia. I robot hanno colpito con successo i veicoli blindati del finto nemico a una distanza fino a 5.000 metri.

Sukhoi Su-57, caccia di quinta generazione

I caccia multiuso Su-57 di quinta generazione saranno forniti alle truppe del distretto militare orientale già nel 2022, ha detto il colonnello generale Alexander Chaiko, comandante delle forze di difesa aerea. Il caccia stealth di quinta generazione Su-57 è progettato per distruggere tutti i tipi di obiettivi di terra, aria e superficie. L’aereo è dotato di un rivestimento che assorbe i radar e di compartimenti per le armi all’interno del corpo. Il primo aereo della serie è stato consegnato alle forze aerospaziali russe nel dicembre 2020.

Bombardiere strategico Tupolev Tu-160M

Il modello base del bombardiere Tupolev Tu-160 fece il suo volo inaugurale nel 1981. La produzione del modello Tu-160M modernizzato ha preso il via nello stabilimento dell’aviazione di Kazan nel 2018. A dicembre, il vice primo ministro Yury Borisov ha annunciato che il nuovo Tu-160M decollerà per la prima volta nel 2022. Il Tupolev Tu-160 rimane il più grande aereo supersonico nella storia dell’aviazione. Il Tu-160 rimane anche l’aereo da combattimento più pesante e il bombardiere più veloce. Il Tu-160 è progettato per colpire obiettivi in aree remote con armi convenzionali e nucleari.

Elicottero pesante multiuso Mi-26T2V

La produzione di serie dell’elicottero Mi-26T2V inizierà nel 2022. A novembre, Andrei Boginsky, CEO della Russian Helicopters Holding, ha annunciato che il produttore avrebbe ricevuto il permesso per la produzione di massa entro la fine del 2021. La versione aggiornata del più grande elicottero da trasporto di serie ha fatto il suo primo volo nel 2018. Il Ministero della Difesa russo prevede di acquisire dieci elicotteri. La capacità di trasporto del Mi-26T2V è di 20 tonnellate.

Conosciamo l’apparato di Putin che spaventa il mondo