Corea del Sud, affronta problemi legati al rialzo moneta locale

Views

La Corea del Sud prenderà in considerazione misure per aumentare i deflussi di capitali se il won continua ad aumentare il suo valore rispetto al dollaro. Tre esperti hanno detto, che occorre questo intervento per aiutare l’economia nazionale dipendente quasi esclusivamente dal commercio con l’estero.
Mentre le operazioni per frenare la volatilità del won continueranno, le autorità valutarie della nazione potrebbero anche cercare di spronare gli investimenti all’estero, se la valuta locale dovesse attestarsi su una base di cambio tendente al rialzo.
Il governo “può prendere in considerazione misure per stimolare i deflussi di valuta estera”, ha detto uno degli intervistati a Reuters.
Un portavoce del ministero delle finanze ha rifiutato di commentare la questione.
L’aumento dei tassi di interesse interni, le forti esportazioni e l’intensificazione del controllo degli Stati Uniti sul regime dei cambi della Corea del Sud hanno reso più difficile per la quarta economia più grande dell’Asia di crescere.

Le misure che incoraggiano il capitale ad andare fuori dal paese potrebbero aiutare i politici a rimuovere parte della pressione al rialzo sulla valuta senza dover ricorrere all’intervento diretto nel mercato dei cambi, un punto fermo nei rapporti di Seoul con Washington.
Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha tenuto la Corea del Sud su un “elenco di monitoraggio” dei paesi nel suo rapporto sulle politiche di cambio dei principali partner commerciali nell’ottobre dello scorso anno, insieme alla Cina, Giappone e Germania.
L’impennata del won rende i prodotti della Corea del Sud più costosi per i consumatori globali, erodendo la competitività dei produttori locali.
Mercoledì la moneta è stata scambiata a un massimo di tre anni di 1.066 dollari per dollaro, con un aumento del 13% nel 2017, il suo maggior rialzo annuale in 13 anni.
Le fonti non hanno fornito dettagli su ciò che tali misure potrebbero comportare e hanno rifiutato di elaborare quando è stato chiesto se le misure potrebbero includere agevolazioni fiscali simili a quelle annunciate nel 2015.
A quei tempi, la Corea del Sud offriva fino a 10 anni di esenzioni fiscali sui guadagni di investimento da fondi che investivano oltre il 60 per cento delle attività in azioni estere. Lo schema è entrato in vigore a febbraio 2016 ed è scaduto a dicembre.
Il conto corrente della nazione è stato in attivo per 68 mesi interi fino ad ottobre dello scorso anno, i dati riportati provengono dalla Bank of Korea.

Corea del Sud, affronta problemi legati al rialzo moneta locale

MONDO, PRP Channel |