Criptovalute, iniziata la bolla finanziaria?

Views

(di Massimiliano D’Elia) Ieri Warren Buffet, il guru americano di finanza ed investimenti ha parlato di una sua successione ai vertici dell’azienda di trading che gestisce da una vita e ha criticato le criptovalute dicendo che la sua azienda non le avrebbe messe mai nel proprio portafoglio. “Non le conosco e per questo non mi esprimo, tuttavia, precisa Buffet, non credo molto nel loro futuro”. Ieri sembravano parole dette per caso, visto che il mercato delle monete elettroniche va a gonfie vele e costituisce sempre più un riferimento per le economie di paesi che sono sotto la scure delle sanzioni della comunità internazionale. Parliamo di Iran, Russia, Corea del Nord etc. Sempre ieri la più importante società cinese di scambi in moneta virtuale, dopo aver constatato alcuni problemi in patria, ha annunciato l’apertura a Zugo in Svizzera di una sua filiale. A quanto  pare già tutti identificano Zugo come la nascente “crypto valley”.

Tutto e’ succeso Ieri. In Corea del Sud,  le società che operano nel settore hanno subito perquisizioni e sequestri di bilanci e documenti. Il Governo di Seul sta seguendo da tempo l’evoluzione di questa attività  e ha notato che gli scambi commerciali tramite crypto  moneta sono aumentati a dismisura superando quelli della moneta tradizionale. Tale attività, a quanto pare, e’ risultata  non vantaggiosa per le casse della nazione a causa dell’evasione fiscale. La consapevolezza che l’autorità possa bloccare e imporrre regole a questo mercato “sottobanco” ha mandato in tilt il valore della moneta elettronica, ingenerando preoccupazioni planetarie per gli investitori che credevano in questo nuovo business.

Gli sviluppi della vicenda, ad oggi, sono imprevedibili e toccherà vedere se il perdurare della paura possa far  nascere una nuova “bolla” finanziaria in grado di condizionare i mercati ordinari.

Nel dettaglio vediamo cosa e’ successo in Corea del Sud.

Il governo della Corea del Sud ha annunciato di voler vietare il trading di criptovalute, facendo precipitare i prezzi dei bitcoin e gettando il mercato delle monete virtuali in subbuglio mentre la polizia e le autorità fiscali della nazione hanno fatto irruzione negli uffici di scambio per presunta evasione fiscale.
La chiusura della Corea del Sud, una fonte cruciale di domanda globale di criptovaluta, è arrivata quando i policymaker di tutto il mondo hanno faticato a regolare un bene il cui valore è salito alle stelle nell’ultimo anno.
Il ministro della giustizia Park Sang-ki ha detto che il governo sta preparando una proposta di legge per vietare il commercio della valuta virtuale negli scambi interni.
Un funzionario della stampa ha dichiarato che la proposta di vietare il trading di criptovaluta è stata annunciata dopo “discussioni” con altre agenzie governative, tra cui il ministero delle finanze e le autorità di regolamentazione finanziaria della nazione.
Una volta redatto un progetto di legge, la legislazione per un divieto assoluto del commercio di monete virtuali richiederà un voto a maggioranza dei 297 membri totali dell’Assemblea nazionale, un processo che potrebbe richiedere mesi o addirittura anni.
La dura posizione del governo ha innescato un selloff della cyrptocurrency su entrambe le borse locali e offshore.
Il prezzo locale del bitcoin è sceso fino al 21% nel commercio di mezzogiorno a 18,3 milioni di won ($ 17,064,53) dopo i commenti del ministro. Si scambia ancora a circa il 30 percento del premio rispetto ad altri paesi.
Bitcoin è sceso di oltre il 10 percento sul Bitstamp con sede in Lussemburgo a $ 13,199, dopo essere sceso a quota $ 13,120, il più debole dal 2 gennaio.
Anche le azioni relative alla criptovaluta della Corea del Sud hanno subito un duro colpo. Vidente e Omnitel, che sono le parti interessate di Bithumb, sono slittate dal limite di trading giornaliero del 30 percento ciascuna. Park Nok-sun, un analista di criptovaluta di NH Investment & Securities, ha detto che il comportamento delle autorità nel mercato delle monete virtuali della Corea del Sud ha sollevato preoccupazioni.
In effetti, lo scorso anno il picco del 1.500% dei bitcoin ha alimentato un’enorme richiesta di criptovaluta in Corea del Sud, attirando sia studenti universitari sia casalinghe e scatenando le preoccupazioni di una dipendenza dal gioco d’azzardo. Ci sono più di una dozzina di scambi di criptovaluta in Corea del Sud, secondo la Korea Blockchain Industry Association.
La proliferazione della valuta virtuale e la conseguente frenesia commerciale hanno attirato l’attenzione dei finanzieri a livello globale, sebbene molte banche centrali si siano astenute dal controllare le criptovalute stesse.
La notizia sul divieto proposto dalla Corea del Sud è arrivata quando le autorità hanno stretto la presa su alcuni degli scambi di criptovaluta.
Gli scambi di criptovalute più grandi della nazione come Coinone e Bithumb sono stati fatti oggetto di perquisizioni da parte della polizia e delle agenzie fiscali questa settimana per presunta evasione fiscale. Le perquisizioni seguono le mosse del ministero delle finanze per identificare i modi per tassare il mercato che è diventato grande quanto l’indice Kosdaq a piccola capitalizzazione della nazione in termini di volume degli scambi giornalieri.
Alcuni investitori, comunque, sembra che avessero preso provvedimenti preventivi.
“Ho già incassato la maggior parte delle mie (monete virtuali) perché sapevo che qualcosa sarebbe venuto fuori in un paio di giorni”, ha detto Eoh Kyung-hoon, un investitore di 23 anni.
Il bitcoin è affondato lunedì dopo che il sito CoinMarketCap ha rimosso i prezzi dalle borse della Corea del Sud, perché le monete erano scambiate a un premio di circa il 30% nella quarta economia dell’Asia. Ciò ha creato confusione e innescato un ampio selloff tra gli investitori.
Un funzionario di Coinone ha detto a Reuters che alcuni funzionari del National Tax Service hanno fatto irruzione nell’ufficio della società questa settimana.
“Anche la polizia locale sta indagando sulla nostra azienda già dallo scorso anno, pensano che quello che facciamo sia gioco d’azzardo”, ha detto il funzionario, che ha parlato in condizioni di anonimato, aggiungendo che Coinone stava comunque collaborando all’inchiesta.

Bithumb, il secondo operatore di valuta virtuale nella Corea del Sud, ha subito i controlli della polizia.
“I funzionari delle tasse ci hanno chiesto di prelevare documenti di bilancio”, ha detto un funzionario di Bithumb, chiedendo l’anonimato a causa della delicatezza del problema.
L’ufficio delle imposte e la polizia della nazione hanno rifiutato di confermare se hanno fatto irruzione negli uffici degli scambi locali.
Le autorità finanziarie sudcoreane avevano in precedenza affermato che stanno ispezionando sei banche locali che offrono conti virtuali in valuta alle istituzioni, tra le preoccupazioni che il crescente utilizzo di tali beni potrebbe portare a un’ondata di criminalità senza precedenti.

Criptovalute, iniziata la bolla finanziaria?