Incendia casolare occupato da migranti, arrestato in Basilicata

Views

Accusato di incendio doloso, oltre che di lesioni personali e danneggiamento un ottantunenne di Venosa, nel Potentino, che ieri sera ha dato fuoco ad una stanza di un casolare occupato legalmente da tre extracomunitari, perche’ arrabbiato in quanto i tre migranti provenienti dal Burkina Faso, avrebbero attraversato un terreno di sua proprieta’. L’anziano e’ stato arrestato dai Carabinieri della locale compagnia e si trova attualmente ai domiciliari. La vicenda, secondo una prima ricostruzione dei militari, e’ cominciata nel pomeriggio di ieri: i tre avrebbero attraversato, per tornare a casa dopo il lavoro, un podere dell’anziano. Ne e’ nata una discussione che, pero’, ad un certo punto sembrava essere finita. A distanza di qualche ora, pero’, l’uomo ha raggiunto la casa occupata dagli extracomunitari portando con se’ una tanica di gasolio che ha versato in parte in una stanza, mentre i tre migranti dormivano in un’altra e vi ha dato fuoco. Subito dopo si e’ allontanato ma e’ stato bloccato dagli uomini dell’Arma a poca distanza mentre ancora aveva con se’ sia la tanica che un accendino. I tre migranti, di eta’ compresa tra 32 e 38 anni, in Italia legalmente da alcuni mesi in quanto impegnati nella raccolta dei pomodori nell’area del venosino, svegliati dal fumo, hanno spento prontamente le fiamme, procurandosi lievi bruciature.

Incendia casolare occupato da migranti, arrestato in Basilicata

CRONACA, PRP Channel |