Studentesse Usa, esame Dna potrebbe incastrare i carabinieri

Views

L’esame del Dna sul liquido seminale sarà a dire una parola definitiva sulle responsabilità dei due carabinieri nel caso di stupro a Firenze denunciato da due studentesse americane. Intanto si delineano i contorni della vicenda: le ragazze di 19 e 21 anni hanno raccontato che i due militari le sarebbero saltati addosso appena sono entrati nel palazzo di Borgo Santi Apostoli in cui risiedevano, spiegando di non aver urlato per paura delle armi. Entrambe erano un pò confuse dopo la notte trascorsa alla discoteca Flò, dove avevano bevuto e una avrebbe anche fumato dell’hashish, e hanno spiegato di non essere riuscite a reagire. Uno stupro sarebbe avvenuto nell’androne e l’altro nell’ascensore, ambienti dove sono state trovate tracce di liquido seminale, prelevate anche dalla gonna e dalla maglietta di una delle ragazze. Ora si attendono i riscontri sul Dna previsti nel giro di un paio di giorni e che potrebbero inchiodare i due carabinieri alle loro responsabilità. Le giovani erano arrivate a fine agosto a Firenze per un corso di sei mesi: una è originaria del Maine, ed è stata già raggiunta dal padre, l’altra del New Jersey. I due carabinieri, indagati per violenza sessuale, sono entrambi toscani ed erano in servizio al Nucleo radiomobile di Firenze. Uno è un carabiniere scelto di 30 anni single residente a Prato, da poco assegnato a questo incarico, l’altro un appuntato scelto di 40 anni con 20 anni di servizio alle spalle, sposato e con figli. La loro Gazzella è stata inquadrate da due telecamere di sorveglianza vicino al palazzo, all’arrivo e poi mentre lasciava la zona, 23 minuti dopo. L’ambasciata Usa ha fatto sapere di prendere “molto sul serio” le accuse e fonti diplomatiche americane hanno auspicato che che si faccia “chiarezza il più presto possibile”, prima che la vicenda si amplifichi anche sui media americani. Intanto anche la Procura Militare di Roma ha aperto un’indagine per i propri aspetti di competenza in relazione alla denuncia di due studentesse americane. E il ministro della Difesa Roberta Pinotti ha dichiarato che “gli accertamenti sono ancora in corso ma risulta una qualche fondatezza rispetto alle accuse che vengono mosse.

Studentesse Usa, esame Dna potrebbe incastrare i carabinieri

CRONACA, PRP Channel |