Lampedusa: arrestato somalo accusato di torture e violenza sessuale

Views

La polizia di Lampedusa ha fermato e arrestato un giovane somalo di 23 anni. Il giovane è accusato di essere uno dei torturatori che sequestravano e seviziavano i migranti che erano in attesa di essere imbarcati dalle coste libiche in particolare nella struttura nei pressi della zona agricola Hudeyfà, nella zona di Cufrà, dove i migranti venivano trattenuti con la forza prima di intraprendere la traversata  in mare.  . Nella misura restrittiva emessa dalla Procura della Repubblica di Palermo l’accusato si legge che il giovane somalo è accusato di associazione per delinquere, armata, di carattere transnazionale, dedita a commettere reati contro la persona – sequestro di persona, violenza sessuale, omicidio aggravato e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Un migrante, che lo ha riconosciuto, ha raccontato: “lui picchiava e si divertiva ad umiliarci e a farci pesare la sua supremazia. Mi ricordo che una volta lo stesso libico, a cui la struttura appartiene, lo ha ripreso perché ci picchiava così forte da ridurci in fin di vita”. Le violenze e le sevizie avvenivano con tubi di gomma e sotto la minaccia di armi. Le indagini sono iniziate il giorno dopo lo sbarco e sono state condotte dalla Seconda Divisione del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, dalla Squadra Mobile di Palermo – diretta da Rodolfo Ruperti, e dalla Squadra Mobile di Agrigento – diretta da Giovanni Minardi. Il fermato è trattenuto presso la Casa Circondariale di Agrigento a disposizione della competente Autorità giudiziaria.

Foto: news.leonardo.it

Lampedusa: arrestato somalo accusato di torture e violenza sessuale

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>