Cyber attack ai Giochi Olimpici invernali di Pyeongchang: forse i russi?

Views

Gli organizzatori di Pyeongchang Winter Olympics hanno confermato domenica che i Giochi sono caduti vittime di un attacco informatico durante la cerimonia di apertura del venerdì, ma si sono rifiutati di rivelare la fonte.
I sistemi dei Giochi, compresi i servizi Internet e televisivi, sono stati influenzati dall’hack due giorni fa, ma gli organizzatori hanno affermato di non aver compromesso alcuna parte critica delle loro operazioni.
“Mantenere le operazioni sicure è il nostro scopo”, ha affermato il portavoce del Comitato Olimpico Internazionale (COI) Mark Adams.
“Non abbiamo intenzione di commentare la questione, è una questione di cui ci stiamo occupando, stiamo facendo in modo che i nostri sistemi siano sicuri e protetti”.
Alla domanda se gli organizzatori sapessero chi c’era dietro l’attacco, Adams ha detto: “Certamente non lo so”.
I Giochi Invernali si svolgono a soli 80 km (50 miglia) dal confine con la Corea del Nord, che tecnicamente è ancora in guerra con il Sud dalla fine della guerra del 1950-1953, in una tregua piuttosto che in un trattato di pace.

Le due squadre hanno partecipato insieme alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi per la prima volta dal 2006.
La Corea del Sud ha usato i Giochi di Pyeongchang per rompere il ghiaccio con il solitario Nord, che recentemente ha minacciato con armi nucleari gli Stati Uniti.
“Tutti i problemi sono stati risolti ieri mattina”, ha dichiarato il portavoce del comitato organizzatore di Pyeongchang, Sung Baik, ai giornalisti.
“Conosciamo la causa del problema, ma questo tipo di problemi si verificano spesso durante i Giochi. Abbiamo deciso con il CIO che non riveleremo la fonte (dell’attacco)”, ha detto ai giornalisti.
La Russia, che è stata bandita dai Giochi per il doping, ha dichiarato giorni prima della cerimonia di apertura che ogni accusa che collegava gli hacker russi agli attacchi alle infrastrutture collegate ai Giochi Olimpici di Pyeongchang era infondata.
“Sappiamo che i media occidentali stanno pianificando pseudo-inchieste sul tema delle” impronte digitali russe “negli attacchi di hacker alle risorse informative relative all’ospitalità dei Giochi olimpici invernali nella Repubblica di Corea”, ha detto il ministero degli Esteri della Russia.
“Certo, nessuna prova sarà presentata al mondo.”
I ricercatori della sicurezza informatica hanno dichiarato a gennaio di aver trovato le prime indicazioni che gli hacker russi potrebbero pianificare attacchi contro il doping e le organizzazioni olimpiche come rappresaglia per l’esclusione della Russia dai Giochi di Pyeongchang.
Gli stakeholder delle Olimpiadi sono stati diffidenti nei confronti della minaccia dell’hacking e alcuni sponsor hanno stipulato un’assicurazione per proteggersi da un attacco informatico.

Cyber attack ai Giochi Olimpici invernali di Pyeongchang: forse i russi?

Cyber, CYBER, Intelligence, PRP Channel |