Esclusiva: Facebook possiede dati personali anche dei non iscritti al “social network’

Views

La preoccupazione di Facebook per la privacy dei dati si sta allargando dopo che e’ emerso che il più grande social network del mondo tiene traccia delle persone indipendentemente dal possesso di un account.
Le preoccupazioni per la privacy hanno inondato Facebook da quando ha ammesso il mese scorso che le informazioni su milioni di utenti sono finite ingiustamente nelle mani della società di consulenza politica Cambridge Analytica, una società che ha contato tra i suoi clienti la campagna elettorale del presidente statunitense Donald Trump.
Zuckerberg ha detto mercoledì, interrogato dal  rappresentante degli Stati Uniti Ben Luján che, per ragioni di sicurezza, Facebook raccoglie anche “dati di persone che non si sono iscritte a Facebook”.
I legislatori e i difensori della privacy hanno immediatamente protestato contro tale pratica.
“Dobbiamo sistemarlo”, ha detto il rappresentante Luján, un democratico, a Zuckerberg, chiedendo chiarimenti su tale divulgazione, una pratica che avrebbe effetti non chiari sulla capacità dell’azienda di indirizzare gli annunci. Zuckerberg non ha risposto.
I critici hanno detto che Zuckerberg non ha detto abbastanza sulla portata e l’uso dei dati. “Non è chiaro cosa stia facendo Facebook con queste informazioni”, ha dichiarato Chris Calabrese, vicepresidente per la politica presso il Center for Democracy & Technology, un gruppo di difesa di Washington.

COOKIE OVUNQUE

Facebook riceve alcuni dati sui non utenti dalle persone sulla sua rete, come quando un utente carica gli indirizzi email degli amici. Altre informazioni provengono da “cookie”, piccoli file memorizzati tramite un browser e utilizzati da Facebook e altri per tenere traccia delle persone su Internet, a volte per indirizzarli con annunci pubblicitari.
“Questo tipo di raccolta di dati è fondamentale per il funzionamento di Internet”, ha detto Facebook in una nota a Reuters. Chiedendo se le persone potessero rinunciare, Facebook ha aggiunto: “Ci sono delle cose fondamentali che puoi fare per limitare l’uso di queste informazioni per la pubblicità, come utilizzare il browser o le impostazioni del dispositivo per eliminare i cookie. Ciò si applica ad altri servizi oltre a Facebook perché, come accennato, è uno standard di come funziona Internet. ”
Facebook installa spesso cookie sui browser di altri utenti se visitano siti con pulsanti “Mi piace” e “Condividi” di Facebook, indipendentemente dal fatto che una persona preme o meno un pulsante. Facebook ha affermato di utilizzare i dati di navigazione per creare rapporti di analisi, incluso il traffico verso un sito.
La società ha affermato di non utilizzare i dati per indirizzare gli annunci, ad eccezione di quelli che invitano le persone a iscriversi a Facebook.

FACEBOOK DI TARGETING

Gli avvocati e i legislatori dicono che stanno processando Facebook a causa delle sue dimensioni, rivale al di fuori della Cina solo da Google di Alphabet Inc, e perché sostengono che Zuckerberg non sia stato disponibile circa la portata e le ragioni del monitoraggio.
“Sta deliberatamente fraintendendo alcune delle domande, o non è chiaro su cosa stia realmente succedendo all’interno dell’operazione di Facebook”, ha detto Daniel Kahn Gillmor, un esperto tecnologo presso l’American Civil Liberties Union.
Zuckerberg, ad esempio, ha detto che la raccolta è stata fatta per scopi di sicurezza, senza spiegare ulteriormente o dicendo se è stata utilizzata anche per misure o analisi, ha aggiunto Gillmor, aggiungendo che Facebook ha un incentivo aziendale a utilizzare i dati non utente per indirizzare gli annunci.
Facebook ha rifiutato di commentare perché Zuckerberg ha fatto riferimento solo alla sicurezza.
Gillmor ha detto che Facebook potrebbe creare database sui non utenti combinando la cronologia di navigazione web con i contatti caricati. Facebook ha detto venerdì che non lo fa.
L’ACLU sta spingendo i legislatori degli Stati Uniti a emanare una vasta normativa sulla privacy, compreso un requisito per il consenso prima della raccolta dei dati.
La prima sfida normativa alle pratiche di Facebook per i non utenti potrebbe venire il mese prossimo quando entrerà in vigore una nuova legge dell’Unione europea, nota come regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), che richiede preavviso e consenso prima della raccolta dei dati.
Come minimo, “Facebook dovrà pensare ai modi in cui strutturare la propria tecnologia per dare il giusto preavviso”, ha affermato Woodrow Hartzog, professore di diritto e informatica presso la Northeastern University.
Facebook ha dichiarato nella sua dichiarazione di venerdì: “I nostri prodotti e servizi sono conformi alla legge applicabile e saranno conformi al GDPR.”
Il social network sarebbe saggio se riconoscesse ai propri utenti almeno il diritto di sapere, ha dichiarato Michael Froomkin, professore di diritto all’Università di Miami.
“Se non sono un utente di Facebook, dovrei avere il diritto di sapere quali dati ha Facebook su di me”, ha detto Froomkin.

Esclusiva: Facebook possiede dati personali anche dei non iscritti al “social network’

Cyber, CYBER & TERRORISMO, PRP Channel |