Corea del Nord, si sono inventati la carne artificiale: “injogogi”

Views
   

Prendi le zecche lasciate dalla fabbricazione dell’olio di soia, che di solito viene utilizzato per nutrire i maiali, premile e impastale con una farina color sabbia, poi con riso e salsa di peperoncino.

Il nome del piatto è “injogogi”, significa carne artificiale.

In Corea del Nord da anni è stata una ricetta per la sopravvivenza. Oggi è un cibo di strada popolare, scambiato accanto ad altri beni sui mercati per strada.

La creazione ed il commercio di injogogi e di altri alimenti simili forniscono una finestra dell’economia del baratto che ha mantenuto in piedi la popolazione della Corea del Nord, nonostante anni di isolamento, abusi e sanzioni.

“Nel corso della giornata, la gente ha dovuto inventare un alimento che sostituisse  le proteine della carne, ha detto Cho Ui-sung, un nordcoreano anziano. “Ora la gente lo mangia per il suo gusto particolare”.

La Corea del Nord è nata con il sostegno dell’Unione Sovietica come uno stato socialista. Il crollo sovietico nel 1991 ha paralizzato l’economia nordcoreana e ha abbattuto il suo sistema di distribuzione alimentare centralizzato. Almeno tre milioni di persone sono morte. Coloro che sono sopravvissuti sono stati costretti a foraggiare, barattare e inventare i pasti da quello che avevano e da quello che trovavano di volta, in volta.

Dal momento che la gente ha iniziato ad utilizzare la propria iniziativa ed inventiva, alcuni  studi hanno dimostrato l’abilità della popolazione a reinventarsi. Cibo e abbigliamento sono il comune denominatore alla base dell’inventiva di milioni di coreani.

Ma la moltitudine dei mercati ambulanti ed abusivi rende davvero difficile capire lo stato esatto dell’economia nordcoreana. E questo rende difficile misurare quanto siano efficaci le sanzioni, che comunque non si applicano alle importazioni alimentari.

Pyongyang ha sempre detto che i limiti delle sanzioni minacciano la sopravvivenza dei suoi figli.

Il raccolto di mais povero di quest’anno ha reso difficile, per le persone nelle aree rurali interne, di potersi nutrire.

Pyongyang afferma che il 70 per cento dei coreani del nord usa ancora il sistema di distribuzione centrale dello Stato come loro principale fonte di sostentamento, lo stesso numero di persone che le stime dell’Onu indicano per utilizzo di “cibo no sicuro” (quello dei mercati per intenderci).

Secondo l’Agenzia per la nutrizione dell’Onu, il  sistema centrale coreano fornisce costantemente dati su minori consumi alimentari rispetto all’obiettivo quotidiano del governo.

L’Onu utilizza queste informazioni per invitare gli Stati membri a fornire aiuti alimentari per la Corea del Nord – 76 milioni di dollari per “sostegno nutrizionale” la sua ultima richiesta – di cui ha ricevuto solo 42 milioni di dollari.

Ma le indagini e poi le prove dicono che i mercati privati abusivi e illegali, sono la principale fonte di approvvigionamento per la maggior parte dei nordcoreani.

“Diventa ridicolo analizzare la distribuzione alimentare in Corea del Nord concentrandosi su un sistema arcaico che ha perso tanto il suo significato negli ultimi due decenni”, ha detto Benjamin Silberstein, studioso associato all’Istituto di Ricerca per la Ricerca in Foreign Policy Economia nordcoreana.

Il WFP e l’altra agenzia di aiuto alimentare dell’Onu, l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura, hanno affermato che l’Onu si basa su tutte le informazioni e gli input disponibili, comprese le statistiche ufficiali. Le agenzie hanno un ufficio permanente a Pyongyang e effettuano visite regolari presso centri di distribuzione pubblica, aziende agricole e talvolta mercati della Corea del Nord.

“Riconosciamo che i dati e le loro fonti sono limitati ma è il migliore modo che abbiamo attualmente”, hanno dichiarato le agenzie Onu, in una dichiarazione congiunta, riferendosi ai dati ufficiali del governo nordcoreano.

Le agenzie hanno anche affermato di non aver mai visto alcun segnale di aumenti alimentari nella dieta dei nordcoreani. “Il problema principale è che la dieta è monotona:  principalmente riso / mais, kimchi e pasta di fagioli – privi di grassi e proteine essenziali”.

La missione diplomatica nordcoreana a Ginevra non ha risposto alle domande su come le sanzioni internazionali potrebbero compromettere la disponibilità dei prodotti alimentari e se le agenzie di aiuto Onu avessero accesso ai mercati della Corea del Nord per valutare i prodotti offerti.

di Massimiliano D’Elia