Onu: “Emirati Arabi Uniti riforniscono di armi Haftar con voli segreti”

Views

Gli Emirati Arabi Uniti con un ponte aereo segreto forniscono armi al generale Khalifa Haftar. La notizia è trapelata da un rapporto delle Nazioni Unite. La  guerra è iniziata  in Libia dal 2011, quando una rivolta popolare sostenuta dall’Occidente e dai suoi alleati portò alla morte del dittatore del paese, Muammar Gheddafi. Gran parte dell’est del paese è controllato dal governo guidato da Tobruk, appoggiato dagli Stati Uniti, che è affidato all’esercito nazionale libico (LNA) guidato  Khalifa Haftar. L’LNA sta combattendo contro il governo libico di accordo nazionale riconosciuto dalle Nazioni Unite, guidato da Fayez al Serraj..
Nel febbraio del 2011, il Consiglio di sicurezza dell’ONU ha adottato la Risoluzione 1970, che – tra le altre cose – proibisce l’esportazione di materiale bellico in Libia. La risoluzione è stata ulteriormente rafforzata nel 2014 e rimane in vigore ancora oggi. Ma le armi continuano ad arrivare  in Libia. Nel 2017, è stato scoperto  che l’LNA stava ricevendo assistenza militare segreta dagli Emirati Arabi Uniti e dall’Arabia Saudita, in violazione dell’embargo. Ora un altro rapporto afferma che gran parte dell’assistenza militare all’LNA arriva in Libia attraverso un “ponte aereo segreto” gestito dagli Emirati Arabi Uniti. Secondo l’agenzia di stampa Bloomberg, le informazioni provengono da un rapporto trapelato da un panel delle Nazioni Unite, i cui estratti sono stati presentati al Consiglio di sicurezza degli Stati Uniti all’inizio di maggio.
Il rapporto afferma che si è verificato un sostanziale aumento dei “voli segreti” dagli aeroporti degli Emirati Arabi Uniti e dalla base aerea militare del paese del Golfo in Eritrea. Solo ai primi di gennaio, almeno 37 di questi voli segreti sono atterrati negli aeroporti libici in aree sotto il controllo dell’LNA, afferma il rapporto. Queste consegne segrete sono state  gestite da “una rete complessa di aziende”, che erano registrate negli Emirati Arabi Uniti, nelle Isole Vergini britanniche e in Kazakistan.
Bloomberg ha contattato l’ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti presso le Nazioni Unite, Lana Nusseibeh, che ha liquidato le affermazioni come “false” e ha affermato che il governo degli Emirati Arabi Uniti le ha negate “nella loro totalità”. Ha aggiunto che i funzionari degli Emirati Arabi Uniti continueranno a collaborare con le Nazioni Unite per indagare su presunte violazioni della risoluzione Onu  del 1970. Bloomberg ha anche contattato  funzionari dell’LNA ma non ha ricevuto risposta.

Onu: “Emirati Arabi Uniti riforniscono di armi Haftar con voli segreti”