Il futuro della Difesa è sul “Cloud”: 600 milioni di dollari investiti con Amazon Web Services

Views

La US Intelligence Community (IC) si sta muovendo alla velocità della luce per sfruttare i vantaggi della migrazione delle sue reti al cloud, al fine di consentire un consolidamento dei dati più rapido, un accesso più ampio alle informazioni sensibili  e un’integrazione della rete significativa dal punto di vista operativo.

Lavorando a stretto contatto con Amazon Web Services, le entità IC hanno perseguito un’iniziativa multivalente e pluriennale per trasferire le proprie reti sul cloud.

Intelligence 

600 milioni di dollari è il valore degli accordi con Amazon risalenti al 2013. Amazon Web Services ha la capacità di poter creare il cloud C2S per la CIA al fine di raccogliere ed organizzare una miriade di dati. Un rapporto di Bloomberg cita il Direttore della Digital Innovation della CIA Sean Roche che ad una  conferenza di Amazon ha riferito che la migrazione al cloud è stata “a dir poco epocale”: Ha trasformato le nostre potenzialità nel costruire nuove capacità.

Interazione Pubblico e Privato

Un fenomeno spesso discusso è quello che sta accadendo a seguito della rapida migrazione commerciale al cloud, ovvero l’esistenza di programmi di sviluppo governativo pluriennali che possono correre il rischio, in alcuni casi, di generare sistemi tecnici obsoleti e non attuali per il cloud. L’innovazione commerciale del cloud utilizzando un framework di architettura aperto, è pensata per consentire aggiornamenti più rapidi e ampi, più coerenti con le innovazioni più attuali e di forte impatto. Le soluzioni di sicurezza commerciale possono portare anche vantaggi sotto altri aspetti, come consentire alle reti di scaricare le patch o le correzioni più avanzate in un lasso di tempo più rapido. Allo stesso tempo, esperti di Cybersecurity affermano che le innovazioni, le pratiche di sicurezza e i progressi voluti dal governo possono portare a soluzioni sempre più avanzate dei sistemi commerciali.

Vantaggi nel mondo militare

In effetti, una miscela ideale, sottolineano gli sviluppatori, è quella di unire piani governativi, concetti e scoperte tecnologiche con elementi di rapido progresso del settore privato. L’iniziativa poliedrica del cloud include il consolidamento dei dati, la riduzione dell’ingombro dell’hardware, i sistemi di armi “hardening” cyber e gli sforzi per collegare i terminali di terra dei satelliti in modo più fluido l’uno con l’altro; il concetto chiave, ovviamente, è quello di aumentare l’accesso a gruppi di informazioni altrimenti disparati, condividere rapidamente i dati e offrire agli analisti dell’intelligence e ai comandanti sul terreno di battaglia opzioni tattiche  più rapidamente.

Cloud e Intelligenza Artificiale (AI)

Di grande importanza, anche le applicazioni AI migliorate nel cloud possono eseguire analisi in tempo reale e raggiungere decisioni rapide confrontando il nuovo input con un vasto database. Basandosi su una duplice strategia di migrazione del cloud che mira a massimizzare sia i nodi decentralizzati sia i server centralizzati, le operazioni abilitate al cloud possono ottenere vantaggi apparentemente illimitati.

I problemi di sicurezza

Ci sono una varietà di aspetti in cui la migrazione del cloud, fortificata dall’IA, cambia il paradigma per la sicurezza informatica e l’accesso ai dati. In un certo senso, i sistemi basati su cloud potrebbero potenzialmente aumentare le sfide di sicurezza se gli intrusi riescono a accedere in modo più ampio a grandi sistemi di dati attraverso meno punti di accesso. Tuttavia, allo stesso tempo, la virtualizzazione abilitata al cloud può mettere in rete molte applicazioni software orientate alla sicurezza e altre misure in grado di rilevare molto più rapidamente le anomalie, difendere le reti di grandi dimensioni e contrastare le intrusioni. Sfruttando la tecnologia cloud, questo tipo di software può proteggere simultaneamente più nodi in un modo più ubiquo e di ampia portata. Infine, data la presenza di governi estremamente avanzati nello sviluppo di applicazioni di cybersecurity, la fusione di iniziative commerciali e governative potrebbe rivelarsi la migliore strategia possibile.

Pertanto, la migrazione al cloud è ampiamente intesa a coinvolgere un particolare paradosso; mentre la tecnologia cloud può abilitare sistemi di sicurezza virtualizzati più omogenei o ubiqui, può anche comportare il rischio di esporre grandi quantità di dati a potenziali intrusi qualora un attacco venisse raggiunto con successo iniziale.

Tuttavia, questo è esattamente il tipo di sfida che gli sviluppatori di cloud esperti, come Amazon Web Services e Microsoft, sono pronti a risolvere. Inoltre, data la portata effettiva delle pratiche e tecnologie di sicurezza orientate al cloud, gli sforzi di migrazione al  cloud di Amazon stanno già aumentando la sicurezza. Ad esempio, può aumentare la condivisione dei dati all’interno delle reti protette, mantenendole separate dai sistemi più vulnerabili. Inoltre, le “correzioni” di sicurezza abilitate al cloud possono raggiungere istantaneamente intere reti in tempo reale. Inoltre, l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico stanno rapidamente evolvendo al punto in cui gli algoritmi possono interpretare il “contesto” in misura maggiore e analizzare le variabili ritenute più soggettive, come i modelli del parlato o le sfumature linguistiche, purché esista un qualche tipo di precedente o informazioni esistenti su cui organizzare e interpretare nuovi dati.

Il soldato futuro

La tecnologia cloud commerciale sta già aumentando la sicurezza per i militari statunitensi e estende ulteriormente la sicurezza fino al limite delle operazioni di combattimento tattico portando reti sicure, come SIPRnet, a dispositivi portatili come smartphone e tablet. Ciò consente ai soldati, in movimento in posizioni avanzate, di impegnarsi in una rete più sicura durante il combattimento. Sicuramente è inutile dire che questo è un grande vantaggio potenziale per l’IC. In realtà, questo – e i benefici di un networking mobile più dispersivo, ma sicuro, è stato anticipato in un saggio del 2013 del Comando dell’esercito degli Stati Uniti e dello Staff College. “Esistono chiare definizioni tra le reti permanenti nei luoghi delle guarnigioni e le reti temporanee e portatili utilizzate in ambienti tattici”, afferma il saggio, chiamato “Le applicazioni militari delle tecnologie di cloud computing”. (Maj. Dallas Powell Jr.)

Aeronautica militare

La tecnologia cloud può anche accelerare i tipi di automazione del computer offrendo una portata molto più ampia. Ad esempio, gli sviluppatori dell’Air Force stanno utilizzando l’automazione avanzata dei computer per replicare il comportamento umano online allo scopo specifico di attirare e rintracciare potenziali intrusi. Gli algoritmi possono creare attività online che assomigliano a quelle di un singolo utente, portando gli intrusi a pensare di rintracciare una persona quando, in realtà, essi stessi vengono monitorati. Inoltre, AI può essere utilizzato per eseguire analisi in tempo reale sul traffico in entrata che potrebbe contenere malware, virus o qualsiasi tipo di tentativo di intrusione. Se la fonte, le caratteristiche o il modello distinguibile di un attacco informatico vengono identificati rapidamente, i difensori informatici sono in una posizione migliore per rispondere. Il cloud offre l’opportunità di svolgere contemporaneamente queste funzioni attraverso un vasto numero di “nodi” interconnessi. Facilitando l’interoperabilità dei terminali di terra satellitari, migliorata la condivisione dei dati di rete, i sistemi basati su cloud possono anche accelerare la connettività SATCOM e consentire la tecnologia di comando e controllo per accelerare le direttive verso i satelliti, hanno spiegato gli sviluppatori del settore.

Marina militare

Ad esempio la Marina sta lavorando con CISCO per sfruttare la tecnologia cloud potenziata da AI per offrire connettività istantanea tra reti basate su navi, centri di comando e controllo e sistemi di bordo come i motori, spiegano gli sviluppatori. Il concetto, ora esplorato attraverso prototipi di laboratorio, consiste nell’utilizzare l’intelligenza artificiale in tempo reale basata su cloud per misurare i sistemi di bordo su un database storico pieno di informazioni di grande rilevanza per le tecnologie di navigazione.

 

Il futuro della Difesa è sul “Cloud”: 600 milioni di dollari investiti con Amazon Web Services

ECONOMIA, EVIDENZA 2 |