Ammazzato giornalista Saudita del Washington Post. Il mistero si infittisce

Views

Le agenzie di intelligence americane hanno prove che la famiglia reale saudita ha cercato di attirare il giornalista del Washington Post Jamal Khashoggi in Arabia Saudita, per catturarlo. Khashoggi, 59 anni, è stato unconsigliere del governo saudita che nel 2015 è diventato un critico dello stile di governo del regno. Si è trasferito negli Stati Uniti, da dove ha iniziato a criticare il coinvolgimento dell’Arabia Saudita nella guerra civile in Yemen, il suo sostegno alla repressione delle libertà politiche in Egitto e altre questioni. Si unì allo staff del Washington Post e scrisse articoli  in cui criticava le politiche saudite. È scomparso da martedì, quando ha visitato il consolato saudita a Istanbul. Andò lì per un appuntamento programmato per essere rilasciato un documento che certificasse il suo divorzio dalla sua ex moglie in Arabia Saudita.

Domenica scorsa, funzionari del governo turco hanno detto che Khashoggi è stato brutalmente assassinato all’interno del consolato saudita durante la sua visita, probabilmente su ordine del governo saudita. I resoconti dei media turchi hanno detto domenica che una team saudita di 15 membri è arrivata a Istanbul poco prima della visita di Khashoggi al consolato. Secondo fonti turche lo stesso team , i cui membri avevano passaporti diplomatici, avrebbero torturato e poi ucciso Khashoggi. Poi hanno smembrato il suo corpo e l’hanno portato fuori dal consolato nascosto all’interno di un veicolo diplomatico. L’Arabia Saudita ha negato le accuse e ha detto che Khashoggi ha lasciato il consolato a Istanbul dopo neanche  un’ora dopo essere entrato martedì pomeriggio.

Mercoledì scorso, il Washington Post ha  sostenuto  che la famiglia reale saudita avrebbe  escogitato un piano per attirare Khashoggi in Arabia Saudita per poi catturarlo. Il giornale afferma che le agenzie di intelligence statunitensi sono in possesso di intercettazioni di comunicazioni tra funzionari sauditi, nelle quali viene discusso il piano per attirare Khashoggi in Arabia Saudita. The Post ha anche citato “diversi amici di Khashoggi” che hanno detto che negli ultimi mesi ha ricevuto telefonate da funzionari sauditi vicini al controverso principe ereditario Mohammed bin Salman. Secondo quanto riferito, i funzionari hanno offerto a Khashoggi protezione politica semmai fosse tornado  in Arabia Saudita. Gli hanno anche offerto lavori governativi di alto livello, ha dichiarato The Post. Ma Khashoggi, secondo alcuni suoi amici, era scettico sulle offerte e le ha rifiutate.
La Turchia ha poi riferito  che la squadra saudita è arrivata a Istanbul in due gruppi separati usando aerei privati, e se ne è andata dal paese in tempi diversi per raggiungere destinazioni diverse nelle ore successive alla scomparsa di Khashoggi.

 

Ammazzato giornalista Saudita del Washington Post. Il mistero si infittisce

EVIDENZA 2, MONDO |