Fecondazione medicalmente assistita a rischio di malattie cardiache mortali in gravidanza

Views

(di Nicola Simonetti) Le donne sottoposte a trattamento della fertilità dovrebbero consultare con urgenza il proprio medico se hanno sintomi di insufficienza cardiaca, secondo uno studio presentato al congresso scientifico della Società europea di cardiologia (Heart Failure 2019) e basato sullo studio di 111 donne che avevano praticato fecondazione medicalmente assistita ed hanno presentato cardiomiopatia peripartum (PPCM). Mancanza di respiro, gonfiore delle gambe e risveglio notturno per urinare potrebbero essere segnali di allarme di un’insufficienza cardiaca associata alla gravidanza detta “cardiomiopatia peripartum”. Questa colpisce circa una donna su 1.000 in tutto il mondo ed è potenzialmente letale per la madre e il bambino. Il cuore diventa “dilatato” a fine della gravidanza o dopo il parto.
“È molto difficile distinguere il normale disagio della gravidanza dai sintomi dell’insufficienza cardiaca”, ha detto il dottor Tobias Pfeffer, coautore dello studio e cardiologo presso la Scuola medica di Hannover. “Il nostro studio mostra che il rischio di PPCM è cinque volte più alto nelle donne che hanno un trattamento di fertilità. Esse, quindi, dovrebbero essere consapevoli che questo disagio potrebbe non essere benigno. Il PPCM viene spesso diagnosticato troppo tardi, con conseguenze dirette sulla prognosi.”

“In tutte le donne che hanno concepito dopo gravidanza indotta medicalmente, ginecologi e medici della fertilità dovrebbero consigliare controlli cardiaci, inclusa l’ecocardiografia dopo il parto, o poco prima, per escludere la PPCM”, ha detto Denise Hilfiker-Kleiner, autore senior dello studio di Hannover.
Va rilevato che il tasso di gravidanza della fecondazione artificiale varia tra il 10% e il 50% per ciclo in base all’età e al metodo e che, pertanto, molte donne si sottopongono a cicli multipli di trattamento se la gravidanza non inizia o si perde in una fase precoce. “Le gravidanze perse possono anche indurre PPCM”. Le donne che hanno sviluppato segni di stress cardiaco o funzionalità compromessa dovrebbero sapere che un altro ciclo può aumentare il rischio di ammalarsi gravemente”.
L’aumento delle percentuali di successo e l’accessibilità economica hanno portato ad un costante aumento della percentuale di bambini nati dalla tecnologia di riproduzione assistita (ART) come fecondazione in vitro (IVF) e iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI). In Germania, ad esempio, è passato dall’1,6% nel 2006 al 2,6% nel 2016 e in Danimarca dal 6,1% nel 2012 al 10% nel 2018.

Lo studio ha trovato alti tassi di subfertilità nei pazienti con PPCM. Un terzo ha avuto difficoltà a rimanere incinta nonostante regolari rapporti sessuali per almeno sei mesi, rispetto a circa il 20% della popolazione generale in Germania. Le nascite che utilizzavano l’ART erano cinque volte più frequenti nelle donne con PPCM: il 13% dei bambini era concepito con tecniche di fecondazione assistita rispetto al 2,6% della popolazione generale.
I ricercatori hanno affermato che l’elevata prevalenza di subfertilità e nascite derivate da ART in pazienti con PPCM potrebbe essere parzialmente correlata a fattori di rischio condivisi. “Le donne che subiscono la fecondazione artificiale sono di solito più anziane e il parto è più spesso cesareo, quindi hanno già due fattori di rischio per PPCM”. I trattamenti di fertilità – dice il professor Hilfiker-Kleiner – inducono complessivamente gravidanze multiple, il che aumenta anche la possibilità di PPCM.”
“Pensiamo anche che ci possano essere alterazioni genetiche che predispongono le donne a subfertilità e PPCM, ma queste analisi sono in corso”, ha detto Manuel List, co-autore e studente di medicina ad Hannover. “Finora non vi è alcuna chiara evidenza che il trattamento ormonale, che di solito fa parte della terapia della fertilità, aumenta il rischio di PPCM.”

Il professor Hilfiker-Kleiner ha osservato che gli esiti clinici dei pazienti PPCM nello studio non erano peggiori nelle donne con problemi di fertilità, compresi quelli sottoposti a trattamento di fertilità, rispetto a quelli con fertilità normale. “Avere IVF o ICSI non è associato a una prognosi peggiore da PPCM”, ha detto. “Tuttavia, poiché le successive gravidanze dopo PPCM hanno un alto rischio di recidiva, il trattamento della fertilità nei pazienti con PPCM presenta un alto rischio per madre e prodotto di concepimento”.

Fecondazione medicalmente assistita a rischio di malattie cardiache mortali in gravidanza