Giustizia: La ministra Cartabia interviene al Global Dialogue of Justice Leaders

Views

La ministra della Giustizia, Marta Cartabia è intervenuta, da remoto, alla seconda edizione del Global Dialogue of Justice Leaders. Si tratta di uno degli eventi organizzati durante la Global week for justice, ospitato quest’anno dal Governo della Lettonia e organizzato da OCSE, Open Government Partnership (OGP) e Pathfinders for Peaceful, Just and Inclusive Societies. Nella riunione a cui hanno partecipato Ministri della giustizia e giuristi internazionali si è parlato di cooperazione nazionale e globale secondo i punti tracciati dall’Agenda 2030.

La Guardasigilli ha partecipato alla sessione: “People-centred justice transformation”. Sono stati ricordati i principi per le buone prassi nei sistemi di giustizia lanciati dall’Ocse che mirano a sviluppare una giustizia incentrata sui bisogni delle persone. La Ministra ha sottolineato come l’Italia abbia fatto proprie tali buone pratiche nell’insieme delle riforme che il Ministero della Giustizia sta portando avanti e ha definito “imminente” la riforma anche del Csm e dell’ordinamento giudiziario. “Dal sistema giustizia i cittadini si attendono che i giudici siano indipendenti, autonomi, competenti. Si attendono che i loro diritti processuali siano pienamente rispettati e che le decisioni giudiziarie siano accurate e adeguatamente motivate. Ma si aspettano anche che la risposta alla loro domanda di giustizia arrivi in tempi ragionevoli. Si aspettano efficienza. Queste sono le componenti fondamentali di un sistema giudiziario affidabile, credibile e meritevole della fiducia dei cittadini, per il quale il governo italiano sta lavorando.” Lo ha detto la ministra Cartabia.

Giustizia: La ministra Cartabia interviene al Global Dialogue of Justice Leaders