Gli Stati Uniti sostengono che il Nord Stream 2 russo minaccerebbe la sicurezza energetica dell’Ue

Views

Secondo quanto dichiarato dal segretario di stato americano Rex Tillerson, nel corso di una conferenza stampa congiunta con il ministro degli esteri polacco tenutasi a Varsavia, gli Stati Uniti vedono il progettato gasdotto Nord Stream 2 tra Russia e Germania come una minaccia per la sicurezza energetica dell’Europa.

La Polonia, l’Ucraina e gli Stati baltici temono che il gasdotto possa aumentare la dipendenza dell’Europa dal gas russo e fornire così al Cremlino miliardi di dollari di entrate supplementari per finanziare un’ulteriore espansione militare sui confini dell’Unione europea.

“Come la Polonia, gli Stati Uniti si oppongono al gasdotto Nord Stream 2. Riteniamo che ciò minacci la sicurezza e la stabilità complessive dell’energia in Europa”.

Gli Stati Uniti hanno già sanzionato le compagnie russe per il coinvolgimento di Mosca nella crisi ucraina e le compagnie straniere che hanno investito o aiutato nell’esplorazione energetica russa.

La Polonia, membro dell’UE dal 2004, considera la Russia la sua più grande potenziale minaccia, soprattutto da quando Mosca ha annesso la penisola di Crimea nel 2014.

La Russia è anche impegnata nella guerra civile in Siria, che ha provocato l’uccisione di centinaia di migliaia di persone allontanando milioni di persone dalle loro case e alimentando una già preoccupante crisi dei rifugiati nell’Unione Europea.

FORNITURA SICUREZZA

Le nazioni nordiche hanno già espresso preoccupazioni per la sicurezza sul gasdotto che viene posato vicino alle loro rive sotto il Baltico.

Ma la Germania e l’Austria si sono concentrati maggiormente sui vantaggi commerciali di avere un gas più economico, sostenendo che potrebbero esserci pochi danni da un tubo aggiuntivo.

“Qualsiasi infrastruttura di gas aggiuntiva può contribuire ad aumentare la sicurezza dell’approvvigionamento in Europa”, ha detto il portavoce del ministero dell’Economia della Germania, aggiungendo che la posizione di Berlino era che Nord Stream 2 fosse un’impresa commerciale che doveva rispettare le leggi pertinenti.

Gruppi energetici tedeschi Uniper e Wintershall, l’OMV austriaca, il gruppo anglo-olandese Shell e la francese Engie hanno investito nel gasdotto di 1.225 km (760 miglia), che consiste nel pompare più gas russo attraverso il Mar Baltico.

La Polonia, che ha trascorso quattro decenni sotto la dominazione sovietica dopo la seconda guerra mondiale, importa ancora il gas russo per soddisfare circa i due terzi del suo consumo.

Ma ha investito in un terminal di gas naturale liquefatto (GNL) sulla costa del Mar Baltico per diversificare forniture e piani per costruire un collegamento del gas con la Norvegia.

La Polonia, il cui principale partner commerciale è la Germania, ma principale alleato per la sicurezza di Washington, nel novembre scorso ha firmato un accordo a lungo termine per l’acquisto di GNL dagli Stati Uniti.

“Siamo orgogliosi di sostenere la diversificazione e la sicurezza energetica della Polonia”, ha affermato Tillerson.

Gli Stati Uniti sostengono che il Nord Stream 2 russo minaccerebbe la sicurezza energetica dell’Ue