Interrotto il patto “GSOMIA” tra Corea del Sud e Giappone

Views

Interrotto il patto GSOMIA tra Corea del Sud e Giappone

La Corea del Sud ha formalmente interrotto la condivisione di informazioni con il Giappone poiché le relazioni tra i due paesi hanno raggiunto il punto più basso da quando, nel 1968, si sono formalmente riconosciute.

La decisione di Seoul è l’ultima di una serie di “mosse” innescate dall’uso del lavoro forzato coreano da parte del Giappone nella seconda guerra mondiale. La Corea del Sud chiede una compensazione finanziaria per l’uso del lavoro da schiavo, compresi gli schiavi sessuali, da parte delle truppe di occupazione giapponesi avvenuto durante l’annessione della Corea da parte del Giappone dal 1910 al 1945.

Tokyo, lo scorso mese, ha risposto a un boicottaggio di massa di beni giapponesi da parte dei consumatori sudcoreani limitando l’esportazione di elettronica da utilizzare nell’industria cantieristica della Corea del Sud e, alcuni giorni fa, Tokyo inoltre ha rimosso la Corea del Sud dall’elenco dei paesi che possono accelerare le proprie esportazioni in Giappone.

All’inizio di questa settimana, i ministri degli Esteri della Corea del Sud e del Giappone si sono incontrati in Cina nel tentativo di colmare le differenze tra i due paesi senza però raggiungere un accordo.

In queste ore la Corea del Sud ha risposto all’ultima mossa del Giappone rifiutando di rinnovare l’accordo sulla sicurezza generale delle informazioni militari (GSOMIA). Il trattato tra Giappone e Corea del Sud, che avrebbe dovuto essere rinnovato oggi, facilitava la condivisione di informazioni sui missili della Corea del Nord e sui programmi nucleari.

Il presidente del paese, Moon Jae-in, ha concordato con la decisione. Un portavoce del governo sudcoreano ha dichiarato che la Corea del Sud ha stabilito che il mantenimento di “un accordo che abbiamo firmato con l’obiettivo di scambiare informazioni militari sensibili alla sicurezza […] non servirebbe al nostro interesse nazionale“.

Il Giappone ha definito la decisione della Corea del Sud “estremamente deplorevole” e ha dichiarato di “interpretare male la situazione della sicurezza” nella regione aggiungendo che continuerà a cooperare con la Corea del Sud “laddove è necessaria la cooperazione“.

La disapprovazione è stata espressa in tarda notte da Tokyo anche all’ambasciatore sudcoreano in Giappone.

Nessun commento da parte degli Stati Uniti, che era l’architetto di GSOMIA nel 2016. Washington ha lavorato a stretto contatto con i due paesi per oltre 6 anni per convincerli a scambiarsi le informazioni, nonostante la loro reciproca animosità.

Osservatori americani hanno avvertito che la cessazione di GSOMIA “minaccia la condivisione di informazioni in tempo reale tra Stati Uniti, Giappone e Corea del Sud per monitorare l’attività nucleare nordcoreana“.

Interrotto il patto “GSOMIA” tra Corea del Sud e Giappone