Iran pronta a rispettare gli accordi sul nucleare se l’UE gli consentirà di ripristinare il commercio estero

Views

Jean-Yves le Drian, ministro degli Esteri francese, parlando ai microfoni di Europa 1 ha dichiarato che la Francia considera la decisione dell’Iran di ridurre ulteriormente i suoi impegni per il nucleare 2015 “non definitive” e che quindi farà di tutto per trovare un accordo.
“Le azioni che hanno intrapreso sono negative ma non definitive. Possono tornare e il percorso del dialogo è ancora aperto “.
Tutto questo mentre l’Iran punta il dito contro i firmatari europei dell’accordo siglato nel 2015, accusandoli di non aver rispettato gli impegni annunciando ulteriori violazioni dei limiti contenuti nel patto.

L’accordo si poneva come obiettivo quello di frenare programma nucleare dell’Iran in cambio di un ammorbidimento delle sanzioni, ma tutto è stato posto in discussione da quando gli Stati Uniti si sono ritirati dall’accordo lo scorso anno e hanno iniziato ad attuare una politica economica restrittiva contro Teheran per spingere l’Iran a concessioni di sicurezza più ampie.
Francia, Germania e Gran Bretagna hanno cercato di adottare un meccanismo commerciale di scambio con l’Iran per limitare gli effetti delle sanzioni statunitensi, ma con scarsi risultati così Teheran, lo scorso mercoledì, ha fissato un termine di 60 giorni all’Europa per un’azione europea efficace.

Purtroppo le parti europee non sono riuscite a rispettare i loro impegni … L’accordo non è una strada a senso unico e l’Iran agirà di conseguenza come abbiamo fatto finora declassando gradualmente i nostri impegni“, questa la dichiarazione di Ali Akbar Salehi, direttore del nucleare iraniano agenzia energetica.
L’Iran continuerà a ridurre i suoi impegni nucleari fino a quando le altre parti non manterranno i loro impegni“, ha continuato Salehi, parlando dopo incontrato avuto con il Direttore Generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea), Cornel Feruta.
Feruta, i cui ispettori controllano il programma nucleare iraniano, ha pianificato di incontrare il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif e altri alti funzionari iraniani.

Il Consiglio dei governatori dell’AIEA, composto da 35 nazioni, discuterà dell’Iran in una riunione trimestrale che inizia lunedì.
Dallo scorso maggio, l’Iran ha iniziato a violare i limiti della sua capacità nucleare fissati dall’accordo in rappresaglia alle sanzioni messe in atto dagli Stati Uniti tese a costringere Teheran a negoziare sulle restrizioni del suo programma missilistico balistico.
L’Iran ha fatto sapere che è disposta a rispettare i termini dell’accordo se i firmatari europei riusciranno a ripristinare l’accesso al commercio estero promesso nell’ambito dell’accordo nucleare ma bloccato a causa delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti.

Dall’inizio della crisi tra Washington e Teheran, l’Iran ha affermato di essere ora in grado di aumentare l’arricchimento dell’uranio oltre il livello di purezza fissile del 20%. Secondo quanto riferito dagli ispettori dell’AIEA, a luglio l’Iran aveva aumentato l’arricchimento al 4,5% di purezza, al di sopra del limite del 3,7% adatto alla generazione di energia civile stabilito dall’accordo del 2015.
In base all’accordo, all’Iran sono consentite ricerche e sviluppi limitati su centrifughe avanzate, che accelerano la produzione di materiale fissile che, se arricchito alla soglia del 90%, potrebbe essere utilizzato per sviluppare una bomba nucleare.

Iran pronta a rispettare gli accordi sul nucleare se l’UE gli consentirà di ripristinare il commercio estero

EVIDENZA 2, MONDO |