Israele sostiene protestanti iraniani e rimanda mittente accuse di aver aiutato manifestatnti con agenti segreti

Views

Quattro giorni di manifestazioni in Iran hanno rappresentato la sfida più ardita per la leadership clericale dopo i disordini pro-riforma del 2009. Almeno quattro persone sono state uccise mentre alcuni scontri con la polizia sono stati davvero violenti.

“Posso solo augurare il successo al popolo iraniano nella lotta per la libertà e la democrazia”, ​​ha detto il ministro israeliano dell’Intelligence Ysrael Katz in un’intervista alla radio dell’esercito.

“Se le persone riusciranno a raggiungere la libertà e la democrazia, molte delle minacce su Israele e sull’intera regione scompariranno”.

Israele ha espresso per lungo tempo  l’allarme sul programma nucleare del potere sciita e il suo sostegno alla guerriglia islamista in Libano e nei territori palestinesi – preoccupazioni condivise dagli stati arabi sunniti.

Alla domanda sul perché il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu non seguisse l’esempio del presidente americano Donald Trump nell’offrire un maggiore sostegno aperto ai manifestanti, Katz ha detto: “Israele si è impegnato a non farsi coinvolgere in questo affare interno”.

Il duro approccio di Trump a Teheran, che ha incluso la minaccia delle sanzioni statunitensi, ha interrotto l'”illusione del miglioramento economico” del governo iraniano, ha affermato.

Domenica, un funzionario iraniano ha accusato “agenti stranieri” di uno scontro in cui due manifestanti sono stati uccisi.

Katz ha respinto tali accuse e ha inviato le accuse al mittente definendo “un regime mendace e propagandistico”.

Israele sostiene protestanti iraniani e rimanda mittente accuse di aver aiutato manifestatnti con agenti segreti

MONDO, PRP Channel |