Kanal Istanbul, opera faraonica che vuole Erdogan per evitare il Bosforo

Views

La Turchia ha annunciato una ulteriore  rotta in un nuovo canale che ridurrebbe il traffico marittimo sullo stretto del Bosforo, oramai saturo, e che trasformerà la metà europea di Istanbul in un’isola.
I lavori del Kanal Istanbul lungo 45 km, che collega il Mar Nero e il Mar di Marmara ad ovest del Bosforo, inizieranno quest’anno, ha detto il ministro dei Trasporti Ahmet Arslan, aggiungendo che fa parte del più costoso progetto delle grandi opere della Turchia.
Il Bosforo è uno dei corsi d’acqua più trafficati al mondo con 42.000 navi transitate  nel 2016, rispetto alle 16.800 che hanno transitato il Canale di Suez lo stesso anno.
È l’unico sbocco marittimo verso gli oceani per Bulgaria, Romania, Ucraina e Georgia, e per i porti russi del Mar Nero.
Con nuovi progetti di urbanistica sul canale e centri logistici da costruire nel Mar Nero, Kanal Istanbul sarà il progetto più costoso della Turchia, ha detto Arslan.
Senza specificare il costo esatto, ha aggiunto che il progetto sarebbe stato finanziato attraverso partnership pubbliche e private.
Il nuovo canale non sarebbe soggetto alle convenzioni di Montreux sull’uso dello stretto che garantisce il libero passaggio alle navi civili durante il tempo di pace, ha detto, il che significa che la Turchia potrebbe tassare  le navi che vogliono transitare sul nuovo canale.
Correrà dalla regione di Durusu sulla costa del Mar Nero di Istanbul al lago Kucukcekmece sul Mar di Marmara. I documenti del Ministero dell’Ambiente turco hanno mostrato che il canale sarà largo 25 metri (82 piedi) e largo 250-1.000 metri (825-3.300 piedi), a seconda di dove si trovano i bacini.

Kanal Istanbul si troverà inoltre vicino a numerosi progetti nel nord di Istanbul guidati dal governo del partito AK del presidente Tayyip Erdogan, tra cui il terzo ponte sul Bosforo, inaugurato nel 2016, e il terzo aeroporto della città che e’ in costruzione.
Il terreno che verrà scavato per il progetto del canale sarà utilizzato per l’agricoltura, nonché per le isole artificiali e i porti da costruire nel Mar di Marmara, ha detto Arslan.
Il piano ha, tuttavia, molti critici e lo stesso Erdogan lo definì “un progetto folle” quando ne parlo’ per la prima volta nel 2011. Gli ambientalisti dicono che avrebbe spianato la strada a ulteriori sviluppi nel nord della città, portando avanti la distruzione delle foreste.
Un rapporto che valuta l’impatto ambientale del progetto, che è richiesto dal governo prima dell’inizio della costruzione, è attualmente in fase di compilazione, ha detto il ministero dell’Ambiente.
Gli ingegneri della camera di geologia di Istanbul hanno affermato che la presentazione iniziale della relazione sull’impatto ambientale non tiene conto di diversi fattori che rendono il progetto non sostenibile.
Il progetto ha il potenziale di influire seriamente sul clima e sull’equilibrio di minerali e sostanze nutritive nel Mar Nero e nelle aree circostanti e di ridurre i livelli di ossigeno nel Mar di Marmara.
La costruzione è stata un fattore chiave dell’economia sotto l’AK Party. I critici del governo affermano che il quadro legale che circonda il settore delle costruzioni è stato ripetutamente annacquato, creando scappatoie per gli investitori che  possono sfruttare tale opportunità per arricchirsi.

Kanal Istanbul, opera faraonica che vuole Erdogan per evitare il Bosforo