La Cina lancia con successo un suo “rover” su Marte

Views

La Cina ha lanciato poche ore fa una  sua  nuova missione su Marte, più ambiziosa delle precedenti.  Il razzo  Long-5 è decollato alle 12:40 dall’isola di Hainan, a sud della Cina. In centinaia hanno seguito il lancio sulla spiaggia dall’altra parte della baita.

Questo lancio  è la  speranza, la  forza“, ha detto Li Dapeng, co-fondatore della filiale cinese della Mars Society.

Il comandante del lancio Zhang Xueyu dopo 45 minuti di volo, dalla sala di controllo ha annunciato che si poteva applaudire: “Il rover Mars è entrato con precisione nell’orbita programmata“. Il lancio è stato seguito in diretta dall’emittente statale CCTV.

L’agenzia spaziale cinese ha affermato che il razzo ha trasportato la sonda per 36 minuti prima di posizionarla con successo sul percorso ad anello che la porterà oltre l’orbita terrestre e infine nell’orbita più distante di Marte attorno al sole.

Liu Tongjie, portavoce della missione, ha dichiarato in una conferenza stampa che il lancio costituisce un punto chiave per le ambizioni della Cina che ora si dirige  verso lo  spazio più profondo”. Ha anche detto che l’obiettivo della Cina non è quello di competere con altri paesi, ma di esplorare pacificamente l’universo.

Questa settimana quello cinese è il secondo volo su Marte. Gli  Emirati Arabi Uniti lunedì hanno lanciato un razzo dal Giappone. Gli Stati Uniti lanceranno la prossima settimana da Cape Canaveral, Perseverance, il rover su Marte più sofisticato di sempre.

Il veicolo spaziale cinese impiegherà sette mesi per raggiungere Marte. Se tutto va bene, il rover chiamato Tianwen-1 cercherà acqua sotterranea, se presente, oltre a prove di una possibile vita antica.

Questo non è il primo tentativo della Cina di andare su Marte. Nel 2011, un lancio insieme ai russi è stato perso quando l’astronave non è riuscita a uscire dall’orbita terrestre dopo essere stata lanciata dal Kazakistan, bruciando infine nell’atmosfera.

Il programma spaziale della Cina si è sviluppato rapidamente negli ultimi decenni. Yang Liwei è diventato il primo astronauta cinese nel 2003 e l’anno scorso, Chang’e-4 è diventato il primo veicolo spaziale  ad atterrare sul lato più lontano della luna.

Conquistare Marte metterebbe la Cina in un club d’élite

“C’è molto prestigio  su questo lancio”, ha dichiarato Dean Cheng, un esperto di programmi aerospaziali cinesi presso la Heritage Foundation di Washington.

Il lancio è stato “una prova di coraggio”, ha dichiarato il dott. Jonathan McDowell, astronomo del Centro di astrofisica di Harvard-Smithsonian. La sfida ora è che la sonda “continui  a funzionare su Marte dopo l’atterraggio”. L’atterraggio su Marte è notoriamente difficile. Solo gli Stati Uniti hanno fatto atterrare con successo un veicolo spaziale sul suolo marziano, hanno fatto  otto tentativi prima di riuscirci a partire dal 1976. I rover InSight e Curiosity della NASA funzionano ancora oggi. Sei altri veicoli spaziali stanno esplorando Marte dall’orbita: tre americani, due europei e uno dall’India.

A differenza delle altre due missioni su Marte che verranno lanciate questo mese, la Cina ha controllato tutte le informazioni sul programma lanciato oggi, tant’è che gli Stati Uniti hanno frenato la cooperazione tra la NASA e il programma spaziale cinese.

In un articolo pubblicato all’inizio di questo mese su Nature Astronomy, l’ingegnere capo della missione Wan Weixing ha detto che Tianwen-1 sarebbe scivolata in orbita attorno a Marte a febbraio e avrebbe cercato un approdo su Utopia Planitia, una pianura in cui la NASA ha rilevato possibili prove di ghiaccio sotterraneo. Wan è morto a maggio di cancro.

L’atterraggio sarebbe stato  tentato in aprile o maggio, secondo l’articolo. Se tutto va bene, il rover da  240 kg (530 libbre) delle dimensioni di un carrello da golf a energia solare dovrebbe funzionare per circa tre mesi.

C’è incertezza dopo l’atterraggio su Marte, ha detto Liu Tongjie. “Ad esempio, una tempesta di sabbia potrebbe  modificare la sua attività perché avrebbe problemi ad intercettare l’energia solare”.

Sebbene piccolo rispetto all’unità  americana di 1.025 chilogrammi (2.260 libbre)  è quasi due volte più grande dei due rover che la Cina ha inviato sulla luna nel 2013 e nel 2019.

Mentre la Cina si unisce agli Stati Uniti, alla Russia e all’Europa nella creazione di un sistema di navigazione globale basato su satellite, gli esperti affermano che non sta cercando di superare il vantaggio degli Stati Uniti nell’esplorazione dello spazio ma cerca di non perdere terreno con il   Giappone e l’India per affermarsi come potenza spaziale dell’Asia.

La Cina lancia con successo un suo “rover” su Marte

| ATTUALITA', EVIDENZA 3 |