La Lega contesta pesantemente il Governo per aver assistito inerme allo sbarco di almeno 50 “foreign fighters” sulle coste della Sicilia

Views

Dopo la notizia secondo cui l’Interpol avrebbe confermato l’arrivo in Italia, attraverso gli sbarchi in Sicilia di almeno 50 sospetti terroristi, il leader della Lega Matteo Salvini dichiara ”Secondo l’Interpol 50 terroristi islamici sono arrivati in Italia sui barconi. Purtroppo avevamo ragione noi e non vedo l’ora di espellere tutti i clandestini e bloccare qualsiasi insediamento islamico”. Dello stesso avviso è la deputata della Lega Barbara Saltamartini che rincara la dose: “L’Interpol conferma che 50 sospetti militanti dell’Isis di nazionalità tunisina sarebbero giunti in Italia sbarcando sulle coste della Sicilia. Ancora una volta quanto la Lega ha sempre sostenuto, trova conferma. Da sempre infatti diciamo che il rischio di arrivo di terroristi tramite sbarchi sarebbe stato molto alto. Chissà cosa diranno i benpensanti della sinistra e i fautori dell’accoglienza diffusa che ci hanno sempre risposto che questa era un’ipotesi impossibile. Ora che anche Interpol annuncia la notizia non si può più negare questo rischio altissimo per tutti noi. Con la Lega e Salvini al Governo basta sbarchi!”..
Ancora più pesante la reazione del deputato Alessandro Pagano, anche lui della Lega, che attacca indistintamente il Ministro degli Interni Minniti ed il Movimento 5 stelle per complicità nei confronti dell’immobilismo mostrato dal Governo sul delicatissimo tema degli sbarchi: “Da due mesi al Viminale sembra circoli un elenco diramato dall’Interpol di 50 sospetti fighters dell’Isis, tutti di nazionalità tunisina, che sarebbero arrivati di recente in Italia sui barconi. Lo riporta il Guardian online. Il Dipartimento della pubblica sicurezza minimizza. Quello che di certo non si può ignorare sono i numerosi sbarchi fantasma provenienti dalla Tunisia che da agosto, e per diversi mesi, si sono susseguiti sulle coste siciliane. Si tratta di migliaia di clandestini, delinquenti usciti dalle patrie galere tunisine e in essi chissà quanti potenziali terroristi, tutti sfuggiti a ogni tipo di controllo e censimento. Dove sono ora questi ‘fantasma’, che fine hanno fatto? Potrebbe esserci tra di loro un altro Amri, il killer di Berlino? Domande che abbiamo rivolto al Governo più volte, anche con specifici atti e interrogazioni parlamentari. Minniti deve dirci come stanno le cose, da mesi invece continua a prenderci per i fondelli. Questo è il frutto delle dissennate politiche lassiste della sinistra, vero pericolo per la nostra sicurezza nazionale, con la complicità del M5S. Ci vogliono provvedimenti chiari: con la Lega e Salvini al governo stop invasione, porti chiusi e rimpatri di massa”.

In riferimento alle prossime elezioni, il leader della Lega Matteo Salvini, ospite di una trasmissione in onda su Corriere Tv, ha così commentato un’eventuale successo del centrodestra: “Se vinciamo con una maggioranza di centrodestra, governiamo non per cinque, per dieci anni, e durante questi dieci anni andiamo a fare quello che abbiamo scritto su ambiente, giustizia, disabili, agricoltura. Se non vinciamo, cosa che non mi auguro, io al Governo non ci vado”.

La Lega contesta pesantemente il Governo per aver assistito inerme allo sbarco di almeno 50 “foreign fighters” sulle coste della Sicilia