La spia russa in Italia: come i servizi segreti russi creano una falsa identità

Views

Le righe scritte su un articolo del giornale d’inchiesta Bellingcat svelano alcune indiscrezioni sul modus operandi del Gru (uno dei servizi dell’intelligence russa), nel creare dal nulla una nuova identità ai loro agenti operativi.

L’8 agosto 2005, l’ufficio di stato civile del distretto di Independencia a Lima, in Perù, ha ricevuto una domanda per l’iscrizione di un nuovo cittadino peruviano nella banca dati dei cittadini nazionali del paese. L’aspirante cittadina ha dichiarato di chiamarsi Maria Adela Kuhfeldt Rivera e i suoi avvocati hanno presentato un certificato di nascita dal registro civile della località balneare di Callao. Il certificato di nascita era datato 1 settembre 1978 e riportava il numero progressivo 1109 sul registro delle nascite del Perù per quell’anno.

Secondo una lettera del registro civile peruviano esaminato da Bellingcat, l’ufficiale civile che si occupava del caso ha sospeso la domanda e ha chiesto ulteriori prove per l’effettiva nascita di Maria Adela.

Il 19 agosto 2005 gli avvocati di “Maria Adela” hanno presentato un documento in più: un certificato di battesimo della parrocchia Cristo Liberador di Callao. Secondo il documento della chiesa, la piccola Maria Adela è nata il 1° settembre 1978, ed è stata battezzata due settimane dopo, il 14 settembre 1978.

L’ufficiale civile di Lima non era convinto e si è rivolto per una verifica al parroco della diocesi di Cristo Liberador, il Rvd. José Enrique Herrera Quiroga. Sfortunatamente per il cittadino in attesa, il sacerdote non avrebbe nemmeno dovuto controllare i registri della chiesa per denunciare che il documento era falso. Aveva avuto l’onore di essere il fondatore e sacerdote inaugurale di questa chiesa fondata nel 1987, nove anni dopo il presunto battesimo di Maria Adela. Il sito web della diocesi di Cristo Liberador dettaglia la data di fondazione, come ha confermato un rappresentante della parrocchia quando Bellingcat l’ha contattata.

Il 22 dicembre 2006, in una relazione annuale sul bilancio al Congresso del Perù, il Ministero della Giustizia peruviano ha riferito che il suo ufficio per la migrazione e la naturalizzazione aveva scoperto tre domande di cittadinanza fraudolente nel 2005, una delle quali era quella di “Maria Adela”. Il rapporto ha concluso che l’identità di questa persona è sconosciuta e ha deferito il caso al procuratore nazionale come un crimine contro la pubblica sicurezza nazionale.

Anche se la cittadinanza peruviana di Maria Adela era sfumata i suoi comandanti del GRU, probabilmente ignari del fatto che il governo peruviano avrebbe reso pubblica questa falsa partenza, decisero di persistere con questa identità per la loro spia. Il motivo della loro persistenza è sconosciuto.

Qualunque cosa fosse, “Maria Adela” ha ricevuto il suo primo passaporto russo nel 2006, utilizzando esattamente lo stesso nome e data di nascita. Secondo l’identità di copertura che è stata creata per lei, ha lavorato come “specialista leader” presso l’Università statale di Mosca e ha vissuto a un indirizzo di Mosca già nel 2010, secondo i database di registrazione. Quelli che ora ci abitano ci hanno detto di non aver mai sentito parlare di lei.

In particolare, il passaporto nazionale russo rilasciato a “Maria Adela” apparteneva a una gamma che il GRU aveva rilasciato per i passaporti nazionali di almeno altre sei spie del GRU, incluso un ufficiale incriminato per l’avvelenamento del produttore di armi bulgaro Emilian Gebrev e un altro ufficiale coinvolto in l’avvelenamento di Sergey Skripal. Sulla base della vicinanza dei numeri del passaporto e della data di emissione nota degli altri passaporti, possiamo stimare che “Maria Adela” abbia ricevuto i suoi documenti d’identità russi nel novembre o dicembre 2006, appena prima che il Ministero della Giustizia peruviano bruciasse pubblicamente la sua identità.

La spia russa in Italia: come i servizi segreti russi creano una falsa identità