Ministro esteri francese a Baghdad per confermare il sostegno alla ricostruzione dell’Iraq

Views

Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian lunedì ha dichiarato che il suo paese continuerà a sostenere l’Iraq dopo la sconfitta dello Stato islamico (IS) e non vede l’ora di partecipare alla ricostruzione dell’Iraq. Lunedì Le Drian è arrivato a Baghdad e ha tenuto un incontro con il primo ministro iracheno Haider al-Abadi nella Green Zone di Baghdad. Le due parti hanno discusso il rafforzamento della cooperazione bilaterale in vari campi e mezzi per sostenere l’Iraq nella ricostruzione e nella stabilità, oltre a discutere della situazione nella regione, secondo una dichiarazione rilasciata dall’ufficio di Abadi dopo la riunione. “Le Drian ha ribadito il sostegno del suo paese all’Iraq nella fase di ricostruzione, sottolineando che la stabilità dell’Iraq sarà un’opportunità e un modello sulla liberazione e la costruzione nella regione (in Medio Oriente)”, si legge nella dichiarazione. All’inizio della giornata, Le Drian è arrivato a Baghdad in visita ufficiale per incontrare gli alti funzionari iracheni per discutere delle relazioni bilaterali, compresa la partecipazione della Francia alla conferenza sulla ricostruzione irachena tenuta in Kuwait, oltre a sostenere l’Iraq nella sua guerra contro il terrorismo. Le Drian ha anche incontrato il presidente iracheno Fuad Masoum, che ha acclamato il sostegno della Francia all’Iraq durante la guerra contro i militanti estremisti dello Stato islamico (IS) e ha elogiato i suoi sforzi nella ricostruzione post-IS dell’Iraq. Una dichiarazione dell’ufficio di Masoum ha detto che il presidente iracheno ha sottolineato “l’importanza del sostegno militare e umanitario della Francia all’Iraq nella sua guerra contro l’organizzazione (IS), così come i suoi sforzi per mobilitare il sostegno della comunità internazionale in Iraq”. Le Drian ha anche incontrato il presidente del parlamento iracheno Salim al-Jubouri e le due parti hanno esaminato gli ultimi sviluppi della sicurezza e della situazione politica nella regione e nel mondo, oltre a discutere del ritorno degli sfollati nelle loro case , secondo una dichiarazione dell’ufficio di Jubouri. “L’Iraq punta all’apertura sia a livello regionale che internazionale, in linea con una nuova visione (politica) per preparare la fase della ricostruzione”, ha detto Jubouri a Le Drian e alla sua delegazione. Jubouri ha anche chiesto di prestare maggiore attenzione al ritorno degli sfollati attraverso la ricostruzione delle loro città devastate dalle battaglie contro il terrorismo, secondo la dichiarazione. All’inizio della giornata, il capo della diplomazia francese ha dichiarato durante il suo incontro con il suo omologo iracheno Ibrahim al-Jaafari che la Francia continuerà a sostenere l’Iraq dopo la sconfitta del gruppo IS e non vede l’ora di partecipare alla ricostruzione dell’Iraq, secondo una dichiarazione dal Ministero degli Esteri iracheno. “Sono venuto a Baghdad per sottolineare il nostro continuo sostegno al popolo iracheno in vari campi e non vedo l’ora di contribuire alla ricostruzione dell’infrastruttura delle città irachene”, ha dichiarato Le Drian dopo il suo incontro con Jaafari. Le Drian ha anche affermato che il suo paese è impegnato a ricostruire l’Università di Mosul, che è stata gravemente danneggiata dalle feroci battaglie contro i militanti estremisti dell’IS, e ha espresso la disponibilità della Francia ad aprire nuovi orizzonti per rafforzare le relazioni bilaterali. Il capo della diplomazia francese ha rivelato che il presidente francese Emmanuel Macron visiterà Baghdad. Da parte sua, Jaafari ha detto che l’Iraq “non dimenticherà i paesi amici che sono al suo fianco e lo sostengono in campi umanitari, militari e di servizio, e non vediamo l’ora di dare il loro contributo alla ricostruzione delle infrastrutture delle città irachene” secondo la dichiarazione. Per quanto riguarda la conferenza sulla ricostruzione irachena svoltasi in Kuwait, Jaafari ha confermato “contiamo sulla presenza attiva della comunità internazionale alla conferenza dei donatori in Kuwait e sulla continuazione (del mondo) per sostenere il popolo iracheno”, ha aggiunto la dichiarazione . “La partnership tra Iraq e Francia è molto importante e dobbiamo compiere maggiori sforzi per attivare interessi comuni e affrontare rischi comuni”, ha concluso Jaafari. La sera, Le Drian è volato ad Erbil, la capitale della regione semi-autonoma del Kurdistan per incontrare i leader kurdi, ed è stato ricevuto dal primo ministro regionale Nechirvan Barzani, secondo il canale satellitare curdo NRT. La visita di Le Drian è arrivata mentre la conferenza internazionale del Kuwait per la ricostruzione dell’Iraq è stata avviata all’inizio della giornata e si concluderà il 14 febbraio. Nella conferenza del Kuwait ci si aspetta che i paesi e le organizzazioni donatrici annuncino contributi finanziari all’incontro tra grandi aspirazioni Irachene desiderose di un esito positivo che contribuirà a ricostruire il loro paese lacerato dalla guerra.

Ministro esteri francese a Baghdad per confermare il sostegno alla ricostruzione dell’Iraq

MONDO, PRP Channel |