Afghanistan, Telebani rifiutano il cessate il fuoco di tre mesi e prendono in ostaggio 200 persone

Views

I talebani hanno respinto l’offerta di un cessate il fuoco da parte del governo afghano e hanno detto che avrebbero continuato con i loro attacchi. Così hanno riferito i comandanti militanti, mentre i militanti hanno teso un agguato a tre autobus prendendo in ostaggio quasi 200 passeggeri in viaggio verso Kabul per un periodo di vacanza.

Due comandanti talebani hanno detto che il loro capo supremo ha rifiutato l’offerta del presidente Ashraf Ghani per un cessate il fuoco di tre mesi, il cui inizio è previsto  con la festività musulmana di Eid al-Adha di questa settimana.

A giugno, i talebani hanno osservato un cessate il fuoco di tre giorni per il festival Eid al-Fitr. In quell’occasione vi furono  scene senza precedenti che vedono soldati regolari e militanti che si abbracciano in prima linea.
Ma uno dei comandanti talebani ha detto che il cessate il fuoco di giugno ha aiutato le forze degli Stati Uniti a riorganizzarsi sul campo. Il leader dei talebani, Sheikh Haibatullah Akhunzada, per questo motivo ha quindi respinto la nuova offerta.

“La nostra leadership ritiene che gli americani prolungheranno la propria permanenza in Afghanistan se annunceremo un cessate il fuoco”, ha detto per telefono un comandante telebano di alto grado, che ha rifiutato di essere identificato.

Un funzionario nell’ufficio di Ghani ha detto che il cessate il fuoco di tre mesi dichiarato dal governo era condizionale, e se i talebani non l’avessero rispettato, il governo avrebbe mantenuto le operazioni militari.

I talebani hanno lanciato un’ondata di cruenti attacchi nelle ultime settimane, che hanno colpito la città di Ghazni, a sud-ovest di Kabul. Centinaia di persone sono state uccise nei combattimenti.

Funzionari del governo stanno cercando di ottenere la liberazione di almeno 170 civili e 20 membri delle forze di sicurezza che sono stati presi in ostaggio dai talebani da tre autobus nella provincia settentrionale di Kunduz.

Esmatullah Muradi, portavoce del governatore di Kunduz, ha detto che il rapimento è avvenuto quando gli autobus stavano viaggiando attraverso Kunduz dalla provincia di Takhar.

“Gli autobus sono stati fermati dai talebani, i passeggeri sono stati costretti a scendere e sono stati portati in una località sconosciuta”, ha detto Muradi.

Un comandante talebano nel vicino Pakistan ha detto che gli ostaggi civili sono stati divisi in piccoli gruppi per essere rimandati a casa. Tuttavia, i membri delle forze di sicurezza afgane erano stati trasferiti nella prigione segreta dei talebani. “Molto probabilmente li scambieremo per i nostri prigionieri”, ha riferito disse il comandante.

I talebani hanno quindi confermato di aver catturato “tre autobus pieni di passeggeri”.

“Abbiamo deciso di sequestrare gli autobus dopo che i nostri dati di intelligence hanno rivelato che molti uomini che lavorano con le forze di sicurezza afghane erano in viaggio per Kabul”, ha detto al telefono Zabihullah Mujahid, un portavoce dei talebani.

“Stiamo ora identificando i membri delle forze di sicurezza”, ha detto, aggiungendo che i civili sarebbero stati rilasciati.

Il membro del consiglio provinciale di Kunduz, Sayed Assadullah Sadat, ha detto che le persone sugli autobus erano in viaggio per stare con la famiglia a Kabul per le vacanze.

Un alto funzionario del ministero degli interni a Kabul ha detto che i funzionari della zona stanno parlando con i leader talebani a Kunduz per ottenere il rilascio dei 190 ostaggi.

Separatamente, Mujahid ha detto che i talebani avrebbero liberato almeno 500 prigionieri, inclusi membri delle forze di sicurezza, lunedì, un giorno prima dell’inizio delle celebrazioni di Eid.

Scontri sporadici tra combattenti talebani e forze afgane sono scoppiati ieri alla periferia di Ghazni mentre gli operatori umanitari hanno cercato aiuto in città, hanno detto i funzionari dell’ufficio di assistenza.

Il governo ha detto che le sue forze hanno liberato la città dopo che i talebani l’hanno assediata per cinque giorni.

Almeno 150 soldati e 95 civili sono stati uccisi e centinaia sono rimasti feriti. Funzionari delle agenzie umanitarie hanno detto che le loro squadre erano entrate in città, ma gli scontri nella periferia hanno impedito loro di avviare operazioni su larga scala.

 

Afghanistan, Telebani rifiutano il cessate il fuoco di tre mesi e prendono in ostaggio 200 persone

MONDO | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>