Il programma televisivo sul Mossad induce polemiche, forti smentite in Israele

Views

Funzionari israeliani hanno smentito le notizie secondo cui il Primo Ministro avrebbe chiesto al capo del servizio di sicurezza interna del paese di spiare il direttore dell’intelligence del Mossad e il capo dell’esercito. I dinieghi sono stati motivati da accuse che saranno fatte per intero giovedì, quando l’ultima puntata del programma di notizie investigative Uvda (Fact) andrà in onda sul canale televisivo israeliano Channel 12.

Secondo il programma, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu, per motivi di sicurezza, ha chiesto che i telefoni personali degli alti funzionari di sicurezza israeliani, compresi quelli dei capi del Mossad e dell’esercito, venissero intercettati.

Il programma di notizie investigative ha riferito, il 31 maggio, che la richiesta “senza precedenti” ha le sue radici in un “grande programma segreto” lanciato dal governo israeliano nel 2012. Il programma ha richiesto una grande trasformazione del budget, del personale e delle risorse dell’intelligence del paese. Sebbene numerosi individui della comunità di intelligence israeliana fossero stati informati sul progetto, il primo ministro israeliano era preoccupato per le fughe di notizie dai media. Ha quindi tenuto il suo Gabinetto all’oscuro del programma e, non si sarebbe consultato con la Knesset, o con i membri della sottocommissione della Knesset sull’intelligence e i servizi segreti (per legge deve essere pienamente informato sulle operazioni di intelligence israeliane).

Uvda sostiene inoltre che nel 2013 Netanyahu ha convocato una riunione straordinaria di alti funzionari, che comprendeva la partecipazione del procuratore generale, il capo dello Shin Bet (il servizio di sicurezza nazionale israeliano) e altri. Fu durante quell’incontro, secondo Uvda, quando Netanyahu presumibilmente si avvicinò a Yora Cohen, l’allora direttore dello Shin Bet, e gli chiese di “monitorare i partner del progetto segreto”. Alla domanda su cosa intendesse, Netanyahu avrebbe affermato che i direttori delle Forze di Difesa Israeliane (IDF) e il Mossad avrebbero dovuto avere sotto controllo i loro telefoni per possibili fuoriuscite di notizie non autorizzate ai media.

Due nomi furono menzionati durante quell’incontro, secondo Uvda: Tamir Pardo, capo del Mossad, e Benny Gantz, capo di Stato Maggiore dell’IDF, entrambi nuovi nelle loro posizioni.

Secondo quanto riportato da Uvda, alla fine, quando Cohen presentò la richiesta di Netanyahu agli alti funzionari del Ministero della Difesa, questi “rimasero sconcertati e in disaccordo”.

Domenica scorsa, Cohen ha fatto il passo insolito di rilasciare una smentita alle accuse di Uvda, in riferimento alle “intercettazioni di Gantz e Pardo […], definendole non vere e assolutamente infondate”. Lo stesso ha proseguito affermando che le accuse di Uvda rappresentavano “una distorsione totale degli sforzi sistemici che vengono fatti di volta in volta per salvaguardare le informazioni sensibili relative alla sicurezza di Israele”.

Sempre domenica, il primo ministro Netanyahu ha criticato direttamente i commenti fatti da Pardo che ha definito l’agenzia come “un sindacato criminale con una licenza”, commenti che il leader israeliano considerava dannosi per la reputazione del Mossad.

Netanyahu ha affermato che “il Mossad non è un’organizzazione criminale. È un’eccezionale organizzazione che svolge un lavoro sacro nella lotta contro il terrorismo e altre minacce allo stato di Israele.

Il programma televisivo sul Mossad induce polemiche, forti smentite in Israele

MONDO | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>