Iran, decine le spie occidentali con doppia cittadinanza arrestate. Lavoravano nell’apparato statale di Teheran

Views

In seguito alle nove sanzioni americane all’Iran e l’inasprimento dei rapporti con l’occidente, le forze di sicurezza di Teheran stanno compiendo una serie di attività di intelligence all’interno dell’apparato statale. Hanno, così, arrestato decine di spie che lavorano in organi statali, lo ha riferito  il ministro dell’Intelligence Mahmoud Alavi. Non è stato precisato  quando gli arresti hanno avuto luogo o per  quali paesi le presunte spie lavoravano, ma è certo che molti degli arrestati possiedono  la doppia cittadinanza.

“Ho chiesto di indagare su quelle persone con la doppia cittadinanza”. L’unità anti-spionaggio del ministero dell’Intelligence ha identificato e arrestato con successo decine di spie in diversi corpi governativi “, lo ha detto Alavi all’agenzia semi-ufficiale ISNA martedì, spiegando il modo in cui è partita l’indagine interna.

L’arresto è stato voluto dopo  che il leader supremo iraniano, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha affermato che ci sono state “infiltrazioni” di agenti occidentali negli organi decisionali iraniani.

La tensione tra Teheran e alcuni paesi occidentali è aumentata da maggio, quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è ritirato dall’accordo nucleare internazionale con Teheran e ha reimposto alcune delle sanzioni statunitensi che erano state revocate dopo l’accordo del 2015 in cambio di restrizioni sul programma stesso.

L’Iran non riconosce la doppia nazionalità e non annuncia abitualmente gli arresti a questo tipo di cittadini, i cui diritti all’assistenza consolare sono sanciti nella Convenzione di Vienna.

Alavi ha anche detto ” di recente abbiamo portato sotto il nostro controllo anche un membro di un gabinetto di un potente paese”, senza specificare quale paese.

Alcuni media iraniani hanno detto che Alavi si riferiva ad un ex ministro israeliano dell’energia, accusato di servire come agente iraniano dal servizio di sicurezza interna israeliano.

Gonen Segev, ministro dell’energia dal 1995 al 1996, viveva in Nigeria, dove ha contattato i funzionari dell’ambasciata iraniana nel 2012, secondo gli investigatori israeliani.

Era stato incarcerato in Israele nel 2004 dopo essere stato condannato per aver tentato di contrabbandare le pillole di ecstasy nel paese. Ha lasciato Israele nel 2007 dopo la sua liberazione dal carcere.

Alavi ha detto che le forze di sicurezza hanno arrestato questo mese un membro del gruppo militante dello Stato Islamico nel sud dell’Iran, e aveva sciolto una “cellula terroristica” nel nord del paese.

Ha anche detto che il suo ministero ha sventato diverse trame per bombardare stazioni della metropolitana e diverse università, senza rendere pubblici nessuno dei presunti incidenti.

Sotto l’estrema ideologia musulmana sunnita dello Stato islamico, gli sciiti – la maggioranza in Iran – sono considerati apostati. L’anno scorso, i militanti dello Stato Islamico hanno compiuto attacchi al parlamento a Teheran e al mausoleo del fondatore della rivoluzione islamica del 1979, l’Ayatollah Ruhollah Khomeini. Almeno 18 persone sono state uccise negli attacchi.

Iran, decine le spie occidentali con doppia cittadinanza arrestate. Lavoravano nell’apparato statale di Teheran

MONDO | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>