Libia, scontro feroce  per il petrolio tra lealisti di Gheddafi e truppe di Haftar

Views

I tumulti e le lotte armate tra le varie fazioni in Libia di questi giorni sono aumentate poiché ognuno vuole avere la propria posizione di rilievo per le prossime elezioni politiche che la Francia vorrebbe già a dicembre del 2018. Data che l’ambasciatore italiano in Libia ha contestato perché non ci sarebbero le condizioni. Condizioni che sul campo trovano il riscontro con l’affermazione di Perrone. La vera battaglia ora si combatte per controllare la ricca e fiorente regione della mezzaluna petrolifera.

L’ex capo della Guardia della Petroleum Facilities (IFG) Ibrahim Jodran e i lealisti tribali di Moamar Gheddafi così come i ribelli ciadiani hanno collaborato per una nuova alleanza per portare a termine un’operazione militare per controllare non solo la regione della mezzaluna petrolifera ma anche molte altre aree nel paese, riferisce The New Arab, citando fonti militari Ajdabiya.
Il comandante del sedicente esercito nella Libia orientale Khalifa Haftar ha inviato più truppe nella regione della mezzaluna petrolifera e riferisce che le unità della Forza di Al-Saiqa sono state viste muoversi verso la regione sud-occidentale, in particolare verso Ghat, ma il portavoce di Al-Saiqa Miloud Al-Zway negato i rapporti.
“Jodran ha incontrato l’ex capo delle forze Haftar nel distretto libico occidentale di Wershiffana, Omar Tantoush e altri ufficiali militari fedeli a Gheddafi per formare una brigata di lealisti di Gheddafi di diverse tribù nel sud della Libia”. Il New Arab ha riferito.
Tantoush ha disertato dal cosiddetto esercito di Haftar mesi fa.
Il sito Web  ha aggiunto che i gruppi ribelli ciadiani faranno parte della nuova alleanza poiché hanno buone posizioni nel sud della Libia, come Um Al-Araneb e altri, per non parlare delle tribù Tubu che potrebbero far parte dell’alleanza.
“La nuova alleanza potrebbe colpire tre assi: la regione della mezzaluna petrolifera, le basi aeree di Jufra e Tamnehent, che potrebbero essere utilizzate dagli aerei di Haftar e la base militare di Brak Al-Shaati, che è il punto principale delle truppe a sud di Haftar.”
Oltre ad indebolire la presa di Haftar, l’alleanza mira ad avere una posizione forte nel caso in cui la ruota del processo politico si spinga verso le prossime elezioni.
Le forze leali di Jodran, con lui al comando, attaccarono la regione della mezzaluna petrolifera (i terminali petroliferi di Ras Lanuf e Sidra) lo scorso giugno prima che le forze di Haftar avessero ripreso il controllo.
Global Risk Insights ha riferito recentemente che la lotta per la regione della mezzaluna petrolifera libica non è finita, poiché potrebbero verificarsi ulteriori scontri nella regione da quando tutte le parti in conflitto hanno lo stesso obiettivo; prendere il controllo della fonte di denaro più proficua  del paese – il petrolio – in modo da poter avere posizioni forti nei negoziati politici.

Libia, scontro feroce per il petrolio tra lealisti di Gheddafi e truppe di Haftar

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>