Macron firma nuovo bilancio per la Difesa. 2% del Pil entro il 2025. Usa e Uk partner strategici

Views

Il presidente francese Emmanuel Macron ha ufficialmente firmato il nuovo bilancio per la difesa pluriennale, dando una spinta notevole ai finanziamenti per gli appalti di aviazione, esercito e marina.

Macron ha firmato la legge sul bilancio militare 2019-2025 il 13 luglio a Brienne House, poco prima della festa in giardino alla vigilia della parata militare della Bastiglia sugli Champs Elysées.

Questa è una “legge di crescita del budget militare”, ha detto Macron in un discorso agli ufficiali e al personale della sfilata del giorno successivo. La spesa è stata molto bassa per decenni ed ora l’inversione per raggiungere  l’obiettivo di spesa per la difesa del 2% del Pil entro il 2025.

Le risorse aggiuntive consentiranno l’acquisizione di oltre 1.700 veicoli corazzati per l’esercito, nonché cinque fregate, quattro sottomarini d’attacco a propulsione nucleare e nove pattugliatori per la Marina. L’Air Force riceverà  12 tanker per il rifornimento di carburante, 28 jet da combattimento Rafale e 55 caccia Mirage 2000 potenziati.

Quest’anno ci sarà un aumento di 1,8 miliardi di euro (2,1 miliardi di dollari) nel budget annuale della difesa che salirà a 34,2 miliardi di euro, di cui 650 milioni di euro sono destinati per le missioni estere.

Il Senato francese e l’Assemblea nazionale della camera bassa avevano precedentemente esaminato il progetto di legge, ed entrambi avevano votato a favore del disegno di legge.

Il bilancio della difesa fissa un obiettivo di 295 miliardi di euro in sette anni, con un terzo dei fondi da stanziare dopo il 2023, dopo le elezioni del  2022.

Oltre all’equipaggiamento, il nuovo budget ha aumentato le spese per i servizi di intelligence, e Macron ha chiesto l’elaborazione di una strategia spaziale militare per il prossimo anno.

Gran parte degli equipaggiamenti erano oramai logori, essendo stati pesantemente utilizzati sul campo, ha aggiunto il presidente francese.

Gli amministratori delegati dell’industria e i Capi militari per gli armamenti erano tutti presenti alla festa in giardino, dove Macron ha chiesto una forte  “partnership con l’industria”, affinchè  le capacità industriali e tecnologiche siano mantenute e sviluppate”. Macron ha poi ringraziato le industrie militari per la rapidità del loro lavoro, che ha permesso alla Francia di firmare due importanti accordi con la Germania per lavorare su un nuovo caccia e un nuovo velivolo tanker.

Macron ha poi detto che gli Stati Uniti sono un “partner strategico” per la Francia, per la  “fiducia reciproca e per l’eccezionale dominio militare”.

C’è “un’altra relazione privilegiata”, quella con la Gran Bretagna.

“Brexit o no, questa relazione è strategica, profonda e continuerà ad essere approfondita “, ha aggiunto Macron, riferendosi all’uscita imminente della Gran Bretagna dall’Unione Europea.

La Francia impegna attualmente l’1,78 per cento del PIL alle forze armate, con una spesa destinata all’1,91 per cento nel 2023 e al 2 per cento entro il 2025. L’aumento annuale previsto sarà di 1,7 miliardi di euro dal 2019 al 2022, con un aumento annuale di 3 miliardi di euro gli anni successivi

La legge sul budget militare è andata nella giusta direzione, ma ci sono state “fragilità”, ha detto il 29 maggio Christian Cambon, presidente della commissione per gli affari esteri, la difesa e le forze armate del Senato. Gran parte dei fondi saranno rilasciati solo nel 2024 e 2025, dopo una revisione di bilancio nel 2021.

Macron firma nuovo bilancio per la Difesa. 2% del Pil entro il 2025. Usa e Uk partner strategici

MONDO | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>