“No Way” australiano ha vacillato. 17 pakistani superano le maglie di sicurezza. Verranno arrestati

Views

Per la prima volta in quasi quattro anni, un gruppo di migranti è stato catturato illegalmente mentre stava cercando di arrivare sulla terraferma australiana. I migranti sono  sopravvissuti ad un naufragio e a diversi giorni in acque infestate da coccodrilli.

17 i migranti  a bordo della barca che sono stati rinvenuti nell’area vicino alle paludi di mangrovie del Far North Queensland, due giorni dopo che la nave si era incagliata.

Una volta che tutti i migranti sono stati presi in custodia, il governo ha detto che il gruppo sarebbe stato deportato a Christmas Island, un territorio australiano a circa 1.000 miglia dal punto più vicino dell’Australia continentale, dove sarebbero stati detenuti con lo  status di immigrati.

Il Dipartimento degli affari interni in una dichiarazione ha detto “secondo le rigide politiche australiane di protezione dei confini, chiunque si rechi in Australia illegalmente in barca non è autorizzato a rimanere in Australia e pertanto verranno  processate sull’isola di Natale.”

È raro che i migranti raggiungano l’Australia continentale via mare. Il paese ha regole severe e controverse che vietano tali viaggi. Dal 2013, i migranti catturati nelle acque territoriali australiane sono soggetti a deportazione o detenzione in strutture offshore sulle isole di Nauru e Manus, in Papua Nuova Guinea.

Ma il governo mantiene anche una simile struttura sull’isola di Natale, dove a giugno c’erano più di 200 migranti. A differenza di Nauru e Manus, Christmas Island è un territorio australiano, e i detenuti hanno diritto ad alcune delle protezioni offerte dalla legge australiana.

Circa 1.600 richiedenti asilo rimangono su Nauru e Manus, secondo il più recente rapporto di Human Rights Watch.

Il governo conferma  che la sua politica di tolleranza zero verso i migranti che fanno il viaggio per mare è in atto per scoraggiare il traffico di esseri umani e viaggi pericolosi. Gli oppositori  sostengono, invece, che le regole siano  discriminatorie e che violino diritti dei migranti.

Il viaggio sull’isola di Natale prolungherà un viaggio già lungo e pericoloso per i 17 cittadini vietnamiti che sono fuggiti dalla nave arenata.

Justin Ward, un pescatore di Wonga Beach, ha detto di aver trovato due dei migranti domenica pomeriggio su una banchina di mangrovie mentre viaggiava da Snapper Island.

“Li abbiamo aiutati a salire sulla barca”, ha detto Ward in un’intervista del NYT.

“Mi sentivo molto dispiaciuto per loro – mi sarebbe piaciuto portarli a casa e dare loro un pasto e una doccia se possibile, e mostrare loro l’ospitalità australiana prima che fossero rispediti indietro”, ha detto.

Peter Dutton, il ministro degli affari interni, ha dichiarato: “Voglio confermare che l’Australia abbia ricevuto la prima nave di contrabbando di personedopo 1.400 giorni. I trafficanti di persone hanno bisogno di ascoltare il messaggio di questo governo molto, molto chiaramente: non riusciranno a mettere le persone sulle barche per arrivare in Australia “.

Aver bucato le maglie di sicurezza delle  autorità di confine da parte della barca è stata un “fallimento”, ha affermato Dutton, aggiungendo che dal 2014 il governo ha fermato 33 imbarcazioni e interrotto oltre 70 operazioni di contrabbando di persone.

Una barca con a bordo sei cittadini cinesi è arrivata nel 2017 sull’isola di Saibai, un territorio controllato dall’Australia che è più vicino a Papua Nuova Guinea.

“No Way” australiano ha vacillato. 17 pakistani superano le maglie di sicurezza. Verranno arrestati

MONDO | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>