Pazienti oncologici: le altre vittime della guerra in Yemen

Views

Sulla costa occidentale dello Yemen, Mohammed al-Hosami riceve sostegno dalla popolazione del suo villaggio di al Mahwit per pagare, in una clinica nella vicina città di Hodeidah, le cure di sua madre affetta da cancro.

“È molto difficile trovare medicinali e, se li trovi sul mercato, sono troppo costosi e i cittadini non possono permetterseli. Non c’è lavoro o stipendio quindi non possiamo permetterci i costi di trasporto. Gli abitanti del mio villaggio mi hanno aiutato con i pagamenti per il trattamento e per il trasporto di mia madre”, ha affermato Mohammed Al-Emad.

Milioni di yemeniti sono a rischio per la fame e il colera. L’emergenza, acuita dai tre anni di guerra, ha colpito anche pazienti affetti da cancro che lottano per ottenere cure in un paese in cui l’economia e le infrastrutture sono crollate.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato che circa 35.000 persone hanno un cancro nello Yemen, circa 11.000 sono i casi diagnosticati ogni anno.

Lo Yemen è coinvolto in una guerra tra una coalizione militare a guida saudita e il gruppo Houthi allineato all’Iran. I combattimenti hanno paralizzato l’economia e il sistemasanitario e scatenato la più urgente crisi umanitaria del mondo con milioni di persone che soffrono la fame e malattie come il colera, la difterite e la malaria.

L’alleanza guidata dai sauditi ha imposto severe misure sul commercio marittimo allo Yemen nel tentativo di soffocare le forniture di armi agli Houthi, che controllano ancora le aree più popolose del paese, compresa Sanaa. Ma le misure hanno anche rallentato il flusso di forniture di aiuti strettamente necessari.

Secondo quanto riportato a Reuters, dal capo del Centro nazionale di oncologia di Sanaa, Ahmed al-Ashwal, il centro ammette circa 600 nuovi pazienti oncologici ogni mese. Ma l’anno scorso ha ricevuto solo $ 1 milione da enti statali e gruppi di aiuto internazionali.

I pochi letti disponibili al centro sono riservati ai bambini. Altri pazienti ricevono il trattamento per via endovenosa, mentre sono seduti su sedie reclinabili fatiscenti o nell’area di attesa.

L’Oms ha affermato che prima del conflitto, il centro riceveva $ 15 milioni all’anno dallo stato e che il budget era utilizzato per acquistare farmaci chemioterapici e farmaci antitumorali per i centri di oncologia in tutto il paese.

Ora il National Oncology Center fa affidamento sul fondo fornito da organizzazioni internazionali, tra cui l’OMS e alcune organizzazioni caritatevoli o uomini d’affari, poiché il fondo governativo è stato interrotto per circa due anni.

Il capo del Centro Al-Amal per il trattamento del cancro, Yasser Abdullah Noor, ha detto che il centro sta lottando per fornire assistenza ai suoi oltre 5.300 pazienti a Hodeidah e rischia di chiudere senza il supporto del governo.

“Un centro che fornisce assistenza a migliaia di pazienti non può funzionare solo in base a donazioni e sovvenzioni

Pazienti oncologici: le altre vittime della guerra in Yemen

MONDO | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>