USA negano i misteriosi attacchi aerei in Tagikistan

Views

La Russia, gli Stati Uniti e il Tagikistan hanno negato di essere dietro una serie di attacchi aerei misteriosi che si sono svolti domenica sul confine tagico-afgano, mentre l’identità degli obiettivi rimane sconosciuta. Il confine di 800 miglia tra l’Afghanistan e il Tagikistan è costituito da un terreno montagnoso. A differenza del confine afghano-pakistano, che è pieno di schermaglie e scontri a fuoco, il confine tagiko-afgano è solitamente pacifico e scarsamente sorvegliato. Ma domenica 26 agosto, funzionari locali di entrambe le parti del confine tagiko-afghano hanno riferito che i jet da combattimento hanno condotto una serie di attacchi aerei.

Le notizie pervenuta dai media nella capitale del Tagikistan, Dushanbe, hanno detto che le guardie di frontiera tagike hanno avuto uno scontro a fuoco con i combattenti talebani, uccidendone ben otto, ma perdendo due agenti nel processo. Tuttavia, lunedì un funzionario della polizia del confine tagiko ha negato quanto riportato dai media e ha affermato che l’incidente di confine ha coinvolto i taglialegna tagiki che sono stati attaccati da sconosciuti aggressori dall’Afghanistan.

Domenica, i funzionari afghani hanno detto che i jet da combattimento hanno bombardato il territorio afgano adiacente al confine con il Tagikistan. Gli stessi non sapevano se i caccia fossero russi o tagiki.

Il Tagikistan ha una forza aerea nominale costituita da non più di quattro aerei da combattimento leggero, di fabbricazione ceca, che non sono stati utilizzati da più di un decennio.

Questo lascia la Russia, che mantiene una base aerea nella periferia di Dushanbe, a 100 miglia dal confine afghano. Lunedì, Mosca ha negato qualsiasi coinvolgimento nell’incidente, così come il Tagikistan.

Funzionari russi hanno dato la colpa agli Stati Uniti, dicendo che la forza della NATO guidata dall’America in Afghanistan è nota per i regolari attacchi aerei in tutto l’Afghanistan. I funzionari del Pentagono hanno negato il loro coinvolgimento. Interrogati dai giornalisti di Kabul, i rappresentanti del governo afgano hanno affermato che l’Afghanistan non ha la capacità di monitorare il proprio spazio aereo a causa della mancanza di apparecchiature radar e per questo hanno invitato la forza NATO, a guida statunitense, a indagare sull’incidente di domenica.

Nel frattempo, anche l’identità delle persone prese di mira nei presunti raid aerei è in dubbio. Lunedì i talebani hanno negato di essersi impegnati con le forze governative afghane o tagike lungo le frontiere settentrionali dell’Afghanistan, affermando che non avevano autorizzato i loro combattenti a operare nell’area. Inoltre, non è noto se i talebani abbiano ingaggiato truppe governative tagike in passato.

Alcuni osservatori hanno affermato che la schermaglia di confine potrebbe essere stata causata da contrabbandieri che trasportano regolarmente droga dall’Afghanistan alla Russia o alla regione del Mar Caspio attraverso il Tagikistan e l’Uzbekistan. Tuttavia, non sono stati segnalati incidenti precedenti di caccia russi, americani o tagiki dispiegati lungo il confine afghano-tagiko, per combattere i trafficanti di droga.

USA negano i misteriosi attacchi aerei in Tagikistan

MONDO | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>