Russiagate, funzionari intelligence e sicurezza Usa minacciano dimissioni di massa

Views

Diversi ex funzionari dell’intelligence americana hanno invitato i loro colleghi attivi a dimettersi, nonostante il dietrofront del presidente Donald Trump sulle presunte interferenze della Russia nelle elezioni presidenziali del 2016. Martedì, il presidente degli Stati Uniti ha rilasciato un’insolita ritrattazione e correzione della sua dichiarazione pubblica di lunedì ad Helsinki, in Finlandia, in cui sembrava schierarsi con il Cremlino contro  le  deduzioni della comunità di intelligence americana. L’ufficio del direttore dell’intelligence nazionale (ODNI), che è l’organismo coordinatore della comunità di intelligence degli Stati Uniti, ha affermato che la Russia ha cercato di interferire sistematicamente nelle elezioni presidenziali americane del 2016. Secondo l’ODNI, l’obiettivo del Cremlino era quello di aumentare la già accentuata discordia nella vita politica americana e aumentare la sfiducia tra l’elettorato e le istituzioni statali, incluso il Congresso e la Casa Bianca.
Ma il presidente Trump ha respinto queste conclusioni lunedì, ponendosi al fianco del presidente russo Vladimir Putin in seguito al vertice USA-Russia nella capitale finlandese. Durante la conferenza stampa congiunta dei due leader, è stato chiesto al presidente degli Stati Uniti se avesse dato seguito alla conclusione della comunità dell’intelligence statunitense secondo cui la Russia avrebbe interferito nelle elezioni del 2016. Ma invece di farlo, Trump ha detto che la sua controparte russa ha fortemente negato le accuse americane. “La mia gente è venuta da me”, ha detto Trump, riferendosi per nome al suo direttore dell’intelligence nazionale (DNI) Dan Coats, e “hanno detto che pensano che sia la Russia”. Tuttavia, Trump ha continuato, “il presidente Putin […] ha appena detto che non è la Russia. Dirò questo, non vedo alcuna ragione per cui sarebbe il contrario “.
La strana ritrattazione del presidente degli Stati Uniti è arrivata poche ore dopo che Coats, una delle personalità dell’amministrazioneTrump, ha rilasciato una insolita dichiarazione pubblica che respingeva i commenti di Trump a Helsinki. “Siamo stati chiari nelle nostre valutazioni sull’ingerenza russa nelle elezioni del 2016 e sui loro continui, pervasivi sforzi per indebolire la nostra democrazia”, ​​ha affermato Coats, aggiungendo che la conclusione del suo ufficio si è basata su ” una intelligence obiettiva”. Il predecessore di Coats,  James Clapper, ha detto durante un’intervista alla CNN martedì che, se ancora fosse stato alla guida dell’ODNI e messo “pubblicamente in ridicolo” dal presidente in quel modo, “si sarebbe dimesso in un batter d’occhio”.
Nel frattempo, John Brennan, che è stato sostituito dal presidente Trump come direttore della CIA nel 2017, è andato oltre lunedì, definendo le dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti a Helsinki “a dir poco clamorose”. Il funzionario della CIA  ha anche contattato  i parlamentari repubblicani per rispondere duramene  alle dichiarazioni  di Trump in Finlandia, twittando: “Patrioti repubblicani: dove siete?”. Uno dei predecessori di Brennan, l’ex direttore della CIA Michael Hayden, che ha anche guidato l’Agenzia per la sicurezza nazionale sotto il presidente George W. Bush, ha detto in un’intervista che la dichiarazione  di Trump in Finlandia “non poteva essere  peggiore” per la US Intelligence Community. Un altro ex ufficiale della CIA, Steven Hall, che si è ritirato dall’agenzia nel 2015 dopo trent’anni al  National Clandestine Service, che gestisce operazioni di intelligence in tutto il mondo, ha dichiarato che la dichiarazione di Trump in Finlandia lo ha lasciato “davvero sbalordito e senza parole”.
Una delle più forti condanne pubbliche alla dichiarazione di lunedì di Trump è stata emessa da Michael Morell, ex vicedirettore e direttore facente funzioni della CIA. Durante un’intervista con CBS martedì, Morell ha consigliato a alti funzionari dell’intelligence statunitense “di prendere in considerazione l’ipotesi di dimettersi”. Dovrebbero “chiedersi se possono continuare a servire questo presidente e rappresentare gli uomini e le donne della comunità dell’intelligence”, ha detto Morell. I suoi commenti sono stati ribaditi mercoledì da esperti dei media che hanno ipotizzato che la dichiarazione di Trump a Helsinki potrebbe far sì che DNI Coats e  il Segretario alla Difesa James Mattis si dimettessero in segno di protesta.
Ma altri ex funzionari dell’intelligence e legislatori hanno respinto le richieste di dimissioni da parte dei funzionari nominati da Trump. Il senatore del Tennessee, Bob Corker, uno dei maggiori  critici  del presidente degli Stati Uniti all’interno del partito repubblicano, ha sostenuto che le dimissioni di “persone che danno consigli a Trump” sarebbero controproducenti. John McLaughlin, che come Morell ha ricoperto il ruolo di vicedirettore e direttore della CIA, ha dichiarato martedì che, a conti fatti, “le persone qualificate ed esperte in posizioni importanti dovrebbero rimanere nelle  esse”. Fare altrimenti rappresenterebbe un danno per la sicurezza della nazione.
Ad oggi non è stata presentata alcuna delle dimissioni annunciate dagli uomini dell’intelligence o della sicurezza.

Russiagate, funzionari intelligence e sicurezza Usa minacciano dimissioni di massa

MONDO | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>