🎥 Uccisioni striscia di Gaza: Israele, nessuna commissione d’inchiesta

Views
   

Il ministro della Difesa israeliano ha respinto domenica le richieste di un’inchiesta formale sull’uccisione di 15 palestinesi da parte dell’esercito durante una manifestazione palestinese che è diventata violenta venerdì al confine tra Gaza e Israele.
Hamas, il gruppo palestinese dominante a Gaza, ha detto che cinque dei morti erano membri della sua ala armata. Israele ha detto che otto dei 15 appartenevano a Hamas e altri due provenivano da altre fazioni militanti.
Una calma apparente è scesa oggi  nella zona di confine, dove centinaia di palestinesi, una frazione delle decine di migliaia che inizialmente si sono rivelate, sono rimasti in accampamenti di tende lungo il confine recintato di 65 km.
Gli organizzatori si aspettano che molti tornino venerdì, quando le scuole e gli affari saranno chiusi per il sabato musulmano e si riuniranno  alla protesta pianificata di sei settimane per il diritto al ritorno dei rifugiati e dei loro discendenti in quello che ora è Israele.
Il segretario generale U.N. Antonio Guterres e la diplomazia dell’Unione europea, Federica Mogherini, hanno chiesto un’indagine indipendente sullo spargimento di sangue del venerdì.
Papa Francesco, in un apparente riferimento agli eventi di Gaza nel suo discorso pasquale, ha chiesto “la riconciliazione per la Terra Santa”.
Avigdor Lieberman, il ministro della difesa israeliano, ha respinto le critiche nei confronti delle azioni di Israele, dicendo che i soldati lungo la frontiera di Gaza “meritano una medaglia” perche’ hanno fatto quanto necessario per proteggere il confine.

“Per quanto riguarda una commissione di inchiesta – non ce ne sarĂ  una”, ha detto a Israeli Army Radio.
Gli Stati Uniti hanno bloccato sabato una dichiarazione del Consiglio di sicurezza del Kuwait e del Regno Unito, hanno detto i diplomatici, che avrebbero richiesto un’indagine indipendente e sollecitato la moderazione da tutte le parti.

Testimonianza

In un ospedale di Gaza, domenica, un ragazzo palestinese di 12 anni colpito da colpi di arma da fuoco israeliani ha detto che quando si è avvicinato alla barriera di confine con gli altri nella folla, ha pensato che sarebbe stato al sicuro finché non avesse toccato la barriera o lanciare pietre.
Centinaia di persone hanno ignorato le chiamate degli organizzatori di protesta e dell’esercito israeliano a tenersi alla larga dalla frontiera. I militari hanno detto che alcuni di coloro che sono stati colpiti hanno sparato ai soldati, hanno rotolato pneumatici in fiamme e lanciato pietre e bombe antincendio verso il confine.

“Ero semplicemente lì in piedi quando ho sentito  che qualcosa mi ha colpito alla gamba e mi ha spinto per terra”, ha detto a Reuters il ragazzo, Bashar Wahdan, stimando la sua distanza dal recinto a 30 metri. Il proiettile ha tagliato i vasi sanguigni e ha rotto un osso.
Al suo capezzale, il padre di Bashar ha detto che non aveva idea che suo figlio fosse andato alla protesta.
Le forze armate israeliane hanno accusato Hamas di “sfruttare cinicamente donne e bambini” mandandoli verso la recinzione. Un portavoce di Hamas ha definito le accuse “bugie volte a giustificare i massacri”.
Sabato, le truppe israeliane che hanno usato munizioni e pallottole di gomma hanno sparato e ferito circa 70 palestinesi tra i manifestanti al confine, hanno detto funzionari palestinesi. Testimoni hanno detto che le pietre sono state lanciate contro i soldati.
I medici dell’ospedale di Shifa, affollato di Gaza, hanno detto che stavano finendo le operazioni mediche e che attendevano altri rifornimenti.
La protesta dovrebbe terminare  il 15 maggio, quando i palestinesi segnano la “Nakba” o “Catastrofe”, ovvero la data in cui centinaia di migliaia di persone fuggirono o furono scacciati dalle loro case nel 1948 e quando fu creato lo stato di Israele.

Category: MONDO, PRP Channel