Usa preoccupata dall’India per  acquisto S-400 russi. Schriver “siamo disposti a discutere per alternative”

Views

Secondo quanto riportato mercoledì da un alto funzionario del Pentagono, in vista di un dialogo ad alto livello tra Washington e New Delhi, gli Stati Uniti non possono garantire all’India una deroga alle sanzioni nella misura in cui dovesse acquistare importanti armi e sistemi di difesa dalla Russia.

Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni radicali alla Russia, in base alle quali qualsiasi paese impegnato con i suoi settori della difesa e dell’intelligence potrebbe incorrere in ulteriori sanzioni statunitensi. Tuttavia, una nuova legge sulla difesa conferisce al presidente l’autorità di concedere deroghe in caso di interessi di sicurezza nazionale.

Randall Schriver, vice segretario alla Difesa per gli affari di sicurezza asiatica e pacifica, ha affermato che: “c’è l’impressione che stiamo andando a proteggere completamente le relazioni dell’India, isolando l’India da qualsiasi ripercussione, qualunque cosa facciano. Direi che è un pò fuorviante. Avremmo preoccupazioni molto significative se l’India ottenesse nuove piattaforme e sistemi importanti dalla Russia […] e non posso affermare quale sarà la decisione del presidente se si dovesse trovare di fronte ad una situazione simile”.

Gli Stati Uniti sono preoccupati se l’acquisto pianificato dall’India di sistemi di missili terra-aria russi S-400, dovesse andare in porto. La Russia prevede di firmare un accordo di vendita con l’India alla fine di quest’anno.

L’ambasciata indiana a Washington non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Schriver ha detto che gli Stati Uniti sono disposti a discutere con con l’India sulle potenziali alternative.

Usa preoccupata dall’India per acquisto S-400 russi. Schriver “siamo disposti a discutere per alternative”

MONDO | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>