Nato e lotta al terrorismo globale, parola di Stoltenberg

Views

Nel suo discorso per il 70mo anniversario della Nato, il segretario generale Jens Stoltenberg, ha ricordato “la lotta contro il terrorismo” che “richiede anche il nostro sforzo collettivo”. A tal proposito, gli attacchi dell’11 settembre 2001 lo hanno dimostrato. “La risposta della Nato a quegli attacchi è stata rapida. Entro 24 ore, e per la prima e unica volta nella nostra storia, abbiamo invocato l’articolo 5 del Trattato di Washington. La clausola di difesa collettiva, che afferma che ‘Un attacco armato contro uno sarà considerato un attacco contro tutti”, ha detto Stoltenberg. “Quindi, l’11 settembre non è stato solo un attacco contro gli Stati Uniti, ma contro tutti gli alleati della Nato” e “in pochi giorni, gli aerei della Nato pattugliavano i cieli americani e sulla scia dell’11 settembre, i soldati della Nato sono andati a combattere fianco a fianco in Afghanistan per impedire a quel paese di diventare un rifugio sicuro per i terroristi, chi potrebbe attaccarci qui a casa”.

“Nel corso degli anni, centinaia di migliaia di truppe dall’Europa e dal Canada hanno prestato servizio in Afghanistan. Più di mille hanno pagato il prezzo massimo e molti altri sono stati gravemente feriti. La Nato rimane in Afghanistan oggi per combattere il terrorismo e addestrare le forze afgane”. Ma Stoltenberg ha ricordato come l’obiettivo della Nato “è non rimanere lì per sempre”, ma la decisione è collettiva: “Siamo entrati insieme, decideremo sulla nostra futura presenza insieme e quando verrà il momento, partiremo insieme”, ha spiegato. In Afghanistan, “la Nato sostiene pienamente il processo di pace”.

La Nato non combatte il terrorismo “solo in Afghanistan”, ma fa parte “anche parte della Global Coalition per sconfiggere Isis e la coalizione ha fatto notevoli progressi. “Grazie alla leadership americana e ai nostri sforzi collettivi, abbiamo fermato questa brutalità e milioni di persone sono state liberate. Ma il nostro lavoro non è finito e questo è il motivo per cui la Nato sta intensificando l’addestramento delle forze irachene”. Questo è lo stesso motivo per cui la Nato sostiene i suoi partner in Medio Oriente e Nord Africa, “aiutandoli a costruire i loro servizi di intelligence, sicurezza alle frontiere, sicurezza informatica e forze speciali. Formare le forze locali e costruire le capacità locali sono tra le migliori armi che abbiamo nella lotta contro il terrorismo. La prevenzione è meglio dell’intervento”.

Stoltenberg ha ricordato la sua esperienza personale con il terrorismo. “Ero primo ministro della Norvegia il 22 luglio 2011. Quel giorno un terrorista ha fatto esplodere una bomba fuori dal mio ufficio, uccidendo otto persone e ferendone molte altre, poi andò sull’isola di Utoya dove i giovani si stavano godendo un campo estivo e ha ucciso altre 69 persone. Era il giorno più buio della Norvegia dalla Seconda Guerra Mondiale. Era il giorno più buio della mia vita”, ha detto. “Il terrorismo si presenta in molte forme. Alcuni autori di abusi abusano della religione. Altri usano impropriamente l’ideologia politica. Sostengono di essere diversi gli uni dagli altri, combattendo per cause diverse. Ma loro sono tutti uguali, credono nell’odio, nella violenza e nell’uccidere uomini, donne e bambini innocenti. Non sono altro che vigliacchi”. Proprio perché “i terroristi attaccano la nostra libertà, i nostri valori e il nostro modo di vivere, la nostra risposta deve essere più aperta e più democrazia”, ha detto ancora.

“In un mondo ideale, non avremmo bisogno di spendere soldi per la difesa, ma noi non viviamo in un mondo ideale. La libertà ha nemici e devono essere scoraggiati e se la deterrenza fallisce, dobbiamo combattere. Hitler non avrebbe potuto essere fermato con proteste pacifiche. Stalin non avrebbe potuto essere scoraggiato dalle parole. L’Isis non avrebbe potuto essere sconfitto con il dialogo. Dobbiamo agire, e investire, per farlo. Gli alleati devono spendere di più in difesa. Questo è stato il chiaro messaggio del presidente Trump e questo messaggio sta avendo un impatto reale”.

Stoltenberg ha anche sottolineato che “dopo anni di riduzione dei bilanci della difesa, tutti gli alleati hanno fermato i tagli e hanno aumentato le loro spese per la difesa. Negli ultimi due anni, gli alleati europei e il Canada hanno speso altri 41 miliardi di dollari in difesa. Entro la fine del prossimo anno, tale cifra salirà a cento miliardi”, ha detto spiegando che quel denaro consente “di investire nelle nuove capacità di cui hanno bisogno le nostre forze armate, compresi aerei da caccia avanzati, elicotteri d’attacco, difesa missilistica e droni di sorveglianza”. Stoltenberg ha concluso dicendo che “la Nato ha sempre avuto un vantaggio tecnologico” e che per mantenerlo “dobbiamo innovare e capitalizzare sull’ingegnosità delle nostre industrie e delle nostre migliori menti su entrambi i lati dell’Atlantico, fornendo funzionalità avanzate e creando posti di lavoro negli Stati Uniti, in Canada e in Europa”.

 

Nato e lotta al terrorismo globale, parola di Stoltenberg

ATTUALITA', EVIDENZA 1 |