Pakistan accusa l’India di pianificare un’azione militare in Kashmir

Views

Il primo ministro pakistano Imran Khan, nel discorso pronunciato in occasione della celebrazione del “Giorno dell’Indipendenza”, ha accusato l’India di pianificare un’azione militare nella contesa regione del Kashmir.

L’India ha revocato lo status speciale della sua porzione di Kashmir himalayano, noto come Jammu e Kashmir, e lo scorso 5 agosto è intervenuta per sedare i disordini scoppiati nel paese chiudendo le comunicazioni e reprimendo/limitando la libertà di movimento della popolazione.

Islamabad ha reagito con la sospensione del commercio bilaterale e chiudendo tutti i collegamenti di trasporto pubblico con l’India ed espellendo l’ambasciatore di Nuova Delhi a Islamabad.

Imran Khan , giunto per la sua prima visita nella regione da quando è divenuto il leader del Pakistan nel 2018, in un discorso pronunciato al parlamento della regione ha dichiarato che l’India ha pianificato un’azione più ampia di quella di febbraio, quando i suoi aerei da combattimento hanno colpito il Pakistan, a seguito di una drammatica escalation di tensione tra i rivali.

Khan, riferendosi alla parte detenuta dal Pakistan ha detto: “Hanno fatto un piano più orrendo per distogliere l’attenzione del mondo dalla loro mossa in Kashmir, hanno in programma azioni in Azad Kashmir. L’esercito pakistano è pienamente consapevole del fatto che loro (l’India) hanno fatto un piano per agire ad Azad Kashmir“.

L’India governa la popolosa valle del Kashmir e la regione dominata dagli indù intorno alla città di Jammu, mentre il Pakistan controlla Azad Kashmir, un cuneo di territorio a ovest. La Cina detiene un’area ad alta quota scarsamente popolata nel nord.

Da quando hanno ottenuto l’indipendenza dalla potenza coloniale della Gran Bretagna nel 1947, l’India e il Pakistan hanno combattuto due guerre contro il Kashmir, ed un terzo conflitto stava per scoppiare lo scorso febbraio dopo un attacco mortale condotto contro la polizia indiana da parte di un gruppo militante pakistano che ha portato ad una serie di attacchi aerei da entrambi i paesi.

La revoca dell’India di status speciale per Jammu e Kashmir blocca il diritto dello stato di inquadrare le proprie leggi e consente ai non residenti di acquistare proprietà lì.

Secondo il governo del primo ministro Narendra Modi ha affermato che le vecchie leggi che vietano alle persone esterne al Kashmir di acquistare proprietà, stabilirsi lì e assumere lavori governativi ne hanno ostacolato lo sviluppo.

Il ministero degli interni indiano ha affermato che lunedì scorso le restrizioni sono state revocate in cinque distretti del Jammu e in nove distretti del Kashmir, aggiungendo che la sicurezza sarebbe stata rafforzata per le celebrazioni del Giorno dell’Indipendenza e le preghiere del Venerdì musulmano previste in entrambi i paesi.

A Islamabad, i manifesti hanno esortato i residenti ad esprimere solidarietà con il Kashmir e i venditori sul ciglio della strada hanno venduto le bandiere di Azad Kashmir e la bandiera del Pakistan comunemente esposte il 14 agosto.

Il Giorno dell’Indipendenza è un’opportunità per una grande felicità, ma oggi siamo rattristati dalla difficile situazione dei nostri fratelli Kashmir nell’occupato Jammu e Kashmir che sono vittime dell’oppressione indiana“, ha detto Khan in una precedente dichiarazione. “Assicuro ai miei fratelli del Kashmir che stiamo con loro“.

Pakistan accusa l’India di pianificare un’azione militare in Kashmir

EVIDENZA 3, MONDO |