Per le ultime esplosioni nel paese la milizia irachena punta il dito contro Israele e Stati Uniti

Views

La milizia sciita dell’Iraq, che controlla parti del territorio iracheno, attestate dallo Stato islamico, ha accusato gli Stati Uniti e Israele delle misteriose esplosioni avvenute nei depositi di armi in tutto il paese.

Gran parte del territorio occupato dallo Stato islamico (noto anche come Stato islamico di Iraq e Siria, o ISIS) nel nord dell’Iraq è attualmente controllato dalle Forze di mobilitazione popolari (PMF) che conta oltre 150.000 combattenti armati. Il PMF sostenuto dall’Iran si è rivelato determinante nella sconfitta territoriale dell’ISIS. Tuttavia, la leadership del gruppo è ideologicamente allineata con l’Iran e molti dei suoi membri non coopereranno con le forze armate irachene perché li considerano sostenuti dagli americani.

Sono state almeno tre le esplosioni misteriose che nell’ultimo mese hanno interessato dei  depositi di armi controllati dal PMF in tutto l’Iraq.

  • Il 19 luglio, i media arabi hanno riferito che un’esplosione ha ucciso due ingegneri militari iraniani in una struttura di PMF.
  • Il 12 agosto, una massiccia esplosione ha distrutto parte della base militare di al-Saqr a Baghdad, uccidendo almeno una persona e ferendone 30. Secondo quanto riferito, la base ospitava un deposito di armi condiviso dalla polizia federale irachena dominata dagli sciiti e dal PMF i due sono spesso indistinguibili nell’Iraq post ISIS).
  • Il 20 agosto sono state segnalate altre due esplosioni in un deposito di armi del PMF situato a circa 55 miglia a nord di Baghdad. Non è noto se qualcuno sia stato ucciso o ferito nell’ultimo attacco.

Prima delle esplosioni del 20 agosto, il primo ministro iracheno Adil Abdul-Mahdi aveva vietato tutti i voli non autorizzati sull’Iraq nel tentativo di prevenire ulteriori attacchi ai depositi di armi. Ma la mossa non ha impedito l’ennesimo attacco misterioso.

Molte le voci che sui mandanti degli attacchi girate nei giorni scorsi in Iraq. Molti accusano gli Stati Uniti e Israele, mentre altri accusano l’ISIS o le milizie irachene in competizione con il PMF per il controllo.

Secondo quanto riportato in un rapporto sugli incidenti del governo iracheno gli attacchi sarebbero stati compiuti con l’utilizzo di droni israeliani con il supporto dell’intelligence americana per indebolire l’influenza sciita in Iraq.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che “l’Iran non ha immunità da nessuna parte […]. Agiremo e attualmente agiremo contro l’Iran laddove necessario ”. Nel frattempo, il PMF si è impegnato a utilizzare “tutti i mezzi a sua disposizione per scoraggiare e prevenire [futuri] attacchi” sulle sue strutture.

Per le ultime esplosioni nel paese la milizia irachena punta il dito contro Israele e Stati Uniti

INTELLIGENCE |