12 nordcoreani spariti. Pyongyang, “rapiti dai servizi della Corea del Sud”

Views

Un gruppo di 12 operaie di ristoranti nordcoreani e il loro manager sostengono che il loro allontanamento del 2016 non è stato spontaneo. Sarebbero stati  rapiti dai servizi segreti della Corea del Sud. Il governo nordcoreano difatti ha una catena di ristoranti  in tutta l’Asia, che opera come attrazione turistica in tutto il sud-est asiatico. I ristoranti di proprietà statale contribuiscono a fornire al  regime di Pyongyang quei pochi finanziamenti stranieri, necessari per la fragile sopravvivenza, a causa delle pesanti sanzioni economiche. Il personale nordcoreano – quasi tutte donne – che lavora in questi ristoranti è attentamente controllato e scelto per rappresentare il regime all’estero. Alcuni osservatori affermano che questi ristoranti hanno anche un’altro compito, ovvero condurre la raccolta di informazioni e la sorveglianza di politici stranieri, diplomatici, massimi esponenti aziendali e importanti uomini d’affari.
Nell’aprile del 2016, l’intero staff di un ristorante nordcoreano nella città cinese di Ningbo, si era allontanato in maniera arbitraria dal ristorante. Erano  scomparsi all’improvviso per poi riapparire alcuni giorni dopo nella capitale sudcoreana Seoul, dove le autorità sudcoreane hanno tenuto una conferenza stampa. I sudcoreani hanno detto ai giornalisti che i 13 nordcoreani hanno deciso di disertare dopo aver visto i la televisione della  Corea del Sud, che  avrebbe fatto perdere loro  la fiducia nel sistema governativo nordcoreano. Ma Pyongyang ha respinto le defezioni come propaganda e ha affermato che i suoi cittadini erano stati rapiti dall’intelligence sudcoreana.
Ora in una scioccante intervista pubblicata dall’agenzia di stampa Yonhap della Corea del Sud, Ho Kang-il, manager  del ristorante nordcoreano di Ningbo, ha dichiarato che lui e il suo staff sono stati portati con la forza in Corea del Sud. “Ho detto a Yonhap di essere stato contattato da ufficiali del Servizio di intelligence della Corea del Sud (NIS) che hanno tentato di indurlo a disertare in Corea del Sud. Gli dissero che avrebbe potuto aprire un ristorante se avesse scelto di condurre una nuova vita nel sud. Inizialmente ho detto che ero interessato all’offerta. Ma quando ho deciso di cambiare idea, gli ufficiali della NIS mi minacciarono di  informare l’ambasciata nordcoreana in Cina. Ho anche detto che gli agenti della NIS ricattarono il suo personale al ristorante usando metodi simili. Di conseguenza, tutti e 13 hanno deciso di collaborare con l’NSI, in quanto “non avevano altra scelta se non quella di fare ciò che dicevano di  fare”.
Domenica scorsa, il relatore speciale delle Nazioni Unite per i diritti umani in Corea del Nord, Ojea Quintana, ha dichiarato durante una conferenza stampa che l’ONU era preoccupata per le accuse formulate da Ho. Ha anche detto che alcuni dei disertori nordcoreani hanno detto al personale delle Nazioni Unite di aver lasciato la Cina senza sapere dove erano stati prelevati  dall’intelligence sudcoreana. Quintana ha concluso il suo intervento chiedendo “un’indagine approfondita” sui presunti rapimenti dei nordcoreani.

12 nordcoreani spariti. Pyongyang, “rapiti dai servizi della Corea del Sud”

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>