CIA: abbiamo le prove che bin Salman sia il mandante del brutale omicidio di Khasoggi

Views

Trump: “non c’è la pistola fumante”, bin Salman è un mio amico personale

Secondo un rapporto classificato prodotto dalla Central Intelligence Agency, il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman avrebbe inviato almeno undici sms all’uomo responsabile della squadra di 15 membri che ha colpito a morte il giornalista Jamal Khashoggi.

Il rapporto della CIA è stato dato al Wall Street Journal, che in un importante articolo di sabato ha rivelato che il re saudita aveva inviato i messaggi nelle ore precedenti e dopo il brutale omicidio di Khashoggi al consolato saudita a Istanbul, in Turchia, il 2 ottobre 2018.

Khashoggi, aveva 59 anni, era un consigliere del governo saudita che si trasferì negli Stati Uniti e divenne un acceso critico  dello stile di governo del regno. Fu ucciso e in seguito smembrato all’interno del consolato saudita a Istanbul, dove era andato per una visita programmata al fine di  rilasciare un documento per il  divorzio dalla sua ex moglie in Arabia Saudita.

Alla fine del mese scorso, la CIA e l’MI6 inglese hanno concluso le indagini addebitando  l’omicidio di Khashoggi  al principe Salman. Ma il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e alcuni membri del suo gabinetto, inclusi i segretari di stato Mike Pompeo e difesa  James Mattis, hanno contestato queste affermazioni, dicendo che non c’è “nessuna pistola fumante” che dimostri il coinvolgimento del principe Salman.

Il presidente degli Stati Uniti ha affermato che l’Arabia Saudita è “un grande alleato” di Washington e che il ruolo del principe Salman nell’omicidio di Khashoggi non è chiaro. “Forse l’ha fatto e forse no”, ha detto ai giornalisti a Washington il 20 novembre, riferendosi al principe, che considera un amico personale. Invece, la Casa Bianca ha dato la colpa per l’omicidio del giornalista a Saud al-Qahtani, un ex consigliere del defunto re Abdullah dell’Arabia Saudita, che si ritiene abbia coordinato l’omicidio di Khashoggi.

Ma il nuovo rapporto della CIA sull’omicidio di Khashoggi  è molto attendibile e ritiene che il principe Salman “abbia personalmente preso di mira” il giornalista e “probabilmente ordinato la sua morte” . Il rapporto, ha affermato The Journal, si basa su diversi risultati, tra cui il fatto che il principe abbia inviato almeno 11 messaggi ad al-Qahtani nelle ore immediatamente precedenti e subito dopo che la squadra uccidesse Khashoggi a Istanbul. Il rapporto della CIA afferma che l’Agenzia non ha avuto accesso al contenuto dei testi, tuttavia afferma che questo modello di comunicazione, insieme ad altri elementi di prova “sembrerebbero dare credito all’operazione saudita contro Khashoggi”.

CIA: abbiamo le prove che bin Salman sia il mandante del brutale omicidio di Khasoggi

INTELLIGENCE |