Cina utilizza LinkedIn per recluare spie in America e nel resto del mondo

Views

Lo spionaggio degli Stati Uniti ha riferito  che agenzie di intelligence cinesi utilizzerebbero account fittizi di LinkedIn per cercare di reclutare americani che hanno accesso a segreti governativi e commerciali.

William Evanina, il capo del controspionaggio degli Stati Uniti, ha detto a Reuters che funzionari dell’intelligence e delle forze dell’ordine hanno già comunicato a LinkedIn, di proprietà di Microsoft, l’aggressività della Cina sulla piattaforma.

Ha quindi precisato che la campagna cinese include il contatto di migliaia di membri di LinkedIn, ma ha rifiutato di dire quanti falsi account abbia scoperto l’intelligence americana, quanti americani potrebbero essere stati contattati e il livello di  successo cinese nel processo di reclutamento.

Le autorità tedesche e britanniche hanno in precedenza avvertito i loro cittadini che Pechino sta usando LinkedIn per cercare di reclutarli come spie. Ma questa è la prima volta che un funzionario degli Stati Uniti ha reso pubblica la nuova sfida negli Stati Uniti e ha indicato che si tratta di un problema più grande di quanto non fosse noto in precedenza.

Evanina ha detto che LinkedIn dovrebbe analizzare  e copiare la risposta automatica di Twitter, Google e Facebook, che comunicano l’eliminazione di  account falsi, presumibilmente collegati alle agenzie di intelligence iraniane e russe.

“Abbiamo notato di recente che Twitter sta cancellando milioni di account falsi, e la nostra richiesta è che anche LinkedIn vada in questa direzione “.

È molto raro che un alto funzionario dei servizi segreti degli Stati Uniti nomini una società di privata americana e che raccomandi pubblicamente di intervenire.

LinkedIn ha comunicato che ha 575 milioni di utenti in più di 200 paesi, inclusi oltre 150 milioni di utenti negli Stati Uniti.

Il capo della sicurezza di LinkedIn, Paul Rockwell, ha confermato che la compagnia ha parlato con le forze dell’ordine degli Stati Uniti per discutere della questione dello spionaggio cinese. All’inizio di questo mese, LinkedIn ha dichiarato di aver rimosso “almeno di 40” account falsi i cui utenti stavano tentando di contattare membri di LinkedIn associati a organizzazioni politiche non identificate. Rockwell, tuttavia, non ha però precisato se gli account fossero cinesi.

“Stiamo facendo tutto il possibile per identificare e fermare questa attività”, ha detto Rockwell a Reuters. Rockwell ha rifiutato di fornire numeri di account falsi associati alle agenzie di intelligence cinesi. Ha detto che la “società si muove rapidamente per limitare l’azione di tali  account e fermare qualsiasi danno “, ma non ha fornito i dettagli. LinkedIn “è una vittima”, ha detto Evanina, mentre  ministero degli Esteri cinese ha contestato le accuse di Evanina.

Non sappiamo quali prove i funzionari statunitensi abbiano per giungere questa conclusione, quello che dicono è un’assurdità completa e ha altri motivi”, ha detto il ministero in una dichiarazione.

Evanina ha quindi precisato che stava parlando con dati concreti riferendosi al  caso di Kevin Mallory, un ufficiale della CIA in pensione indagato  per aver cospirato a favore della Cina.

Conoscitore fluente di mandarino, Mallory aveva problemi finanziari quando venne contattato tramite un messaggio di LinkedIn nel febbraio 2017 da un cittadino cinese che diceva essere un ricercatore, secondo i documenti del tribunale e le prove del processo.

L’individuo, usando il nome Richard Yang, ha organizzato una telefonata tra Mallory e un uomo che sosteneva di lavorare in un think tank di Shanghai.

Durante due successivi viaggi a Shanghai, Mallory acconsentì a vendere segreti statunitensi della difesa – inviati tramite uno speciale dispositivo cellulare che gli fu consegnato. Dovrebbe essere condannato a settembre e potrebbe trascorrere il resto della sua vita in prigione.

Mentre anche Russia, Iran, Corea del Nord e altre nazioni usano  LinkedIn e altre piattaforme per identificare gli obiettivi di reclutamento, i funzionari dell’intelligence statunitense hanno detto che la Cina è la più prolifica in tale settore e rappresenta la più grande minaccia.

Funzionari degli Stati Uniti hanno detto che il Ministero della sicurezza dello Stato cinese si serve di  individui che non sono impiegati dalle agenzie di intelligence ma lavorano con loro per creare account falsi ed avvicinare  potenziali reclute.

L’intelligence americana ha precisato  che gli obiettivi includono esperti in campi come il supercalcolo, l’energia nucleare, la nanotecnologia, i semiconduttori, la tecnologia stealth, l’assistenza sanitaria, i cereali ibridi, i semi e l’energia verde.

I servizi di intelligence cinesi utilizzano  proposte di business fraudolenti o fasulli. Accademici e scienziati, ad esempio, ricevono un compenso per documenti accademici o professionali e, in alcuni casi, vengono in seguito sottoposti a pressioni affinché trasmettano segreti commerciali degli Stati Uniti.

Alcuni di quelli che hanno creato account falsi sono stati collegati agli indirizzi IP associati alle agenzie di intelligence cinesi, mentre altri sono stati istituiti da società fittizie, tra cui alcuni sono nel business dello Human Resorces, ha detto un alto funzionario dell’intelligence statunitense, che ha richiesto l’anonimato.

Il funzionario ha detto che “alcune correlazioni” sono state trovate tra gli americani presi di mira da LinkedIn e dati hackerati dall’Ufficio di gestione del personale, un’agenzia governativa degli Stati Uniti, durante alcuni attacchi nel 2014 e nel 2015.

Gli hacker hanno rubato informazioni riservate, come indirizzi, documenti finanziari e medici, la storia lavorativa e le impronte digitali di oltre 22 milioni di americani che erano stati sottoposti a controlli preliminari per gli sgomberi di sicurezza.

Gli Stati Uniti hanno identificato la Cina come il principale sospettato nel massiccio hacking, un’affermazione che il ministero degli esteri cinese all’epoca aveva definito “logicamante assurda”.

Circa il 70% dello spionaggio complessivo della Cina è rivolto al settore privato statunitense, piuttosto che al governo, ha detto Joshua Skule, il capo della divisione intelligence dell’FBI, incaricata di contrastare lo spionaggio straniero negli Stati Uniti.

“Stanno conducendo lo spionaggio economico a un ritmo che non ha eguali nella nostra storia”, ha affermato.

Evanina ha detto che cinque attuali ex funzionari degli Stati Uniti – tra cui Mallory – sono stati incriminati o condannati per spionaggio a favore della Cina negli ultimi due anni e mezzo. Ha anche detto che  ulteriori casi di sospetto spionaggio per la Cina da parte di cittadini statunitensi sono oggetto di indagine. I servizi di intelligence degli Stati Uniti mettono in guardia gli attuali ed ex funzionari dalla minaccia e li informano sulle misure di sicurezza che possono adottare per proteggersi. Alcuni funzionari attuali ed ex pubblicano online dettagli significativi sulla loro storia lavorativa nel governo – anche a volte nominando unità di intelligence classificate che il governo  assolutamente non riconosce.

Cina utilizza LinkedIn per recluare spie in America e nel resto del mondo

INTELLIGENCE | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>