Cellulari sotto attacco dagli hacker di stato

Views

La maggior parte dell’hacking di stato ora punta ai telefoni cellulari, non ai personal computer, come è successo fino al 2015.

Secondo quanto riportato dal Wall Street journal, gli esperti dicono che da quest’anno i telefoni cellulari sono diventati, nelle operazioni di hacking di stato, un bersaglio molto più redditizio rispetto ai personal computer.

I ricercatori di Lookout Mobile Security, una società di software di sicurezza con sede negli Stati Uniti, affermano che le operazioni di pirateria telefonica rilevate sono aumentate di un fattore 10 nei primi cinque mesi di quest’anno, rispetto al 2015.

Secondo Lookout, l’aumento delle operazioni di hacking rivolte ai telefoni cellulari riflette la proliferazione dell’uso degli smartphone in tutto il mondo, nonché l’aumento del consumo di software per telefoni cellulari. Gli hacker di solito compromettono i telefoni cellulari dei loro bersagli attraverso software maligni mascherati da applicazioni per telefoni cellulari. Il Wall Street Journal riporta inoltre che il software necessario per creare software dannoso per i telefoni cellulari è diventato più economico e più facilmente disponibile. Compromettere il cellulare di un bersaglio fornisce agli hacker informazioni molto più personali e sensibili rispetto a quelle che si possono trovare su un personal computer.

Mike Murray vice presidente di Lookout, afferma: “Una cosa è compromettere il computer di qualcuno. Un’altra cosa è avere un dispositivo di ascolto che porti con te 24 ore al giorno “. I telefoni hackerati diventano strumenti di spionaggio estremamente potenti, spiega Murray.

Molti degli individui i cui telefoni cellulari sono presi di mira dai governi sono attivisti o dissidenti che fanno campagne per riforme politiche o economiche nei loro paesi. I loro telefoni cellulari sono destinati a campagne sistematiche di hacking di paesi come l’Etiopia, gli Emirati Arabi Uniti, la Cambogia e il Messico, ha detto Lookout. Il Wall Street Journal cita Raj Samani, chief scientist della società antivirus McAfee, che afferma che quasi l’11% dei telefoni cellulari in tutto il mondo è stato infettato da una qualche forma di malware nel 2017. Tale statistica dovrebbe aumentare significativamente entro la fine del 2018, afferma Samani.

Cellulari sotto attacco dagli hacker di stato

Cyber, CYBER | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>