Diplomatico iraniano e 3 membri di una “cellula dormiente” iraniana arrestati in 3 paesi europei

Views

Un diplomatico iraniano e i membri di ciò che le autorità hanno definito come una “cellula dormiente iraniana” sono stati arrestati questa settimana in Belgio, Germania e Francia, poiché stavano presumibilmente pianificando un attacco bomba alla Conferenza annuale del Consiglio Nazionale della Resistenza iraniana, a Parigi. Gli arresti sono arrivati dopo un’inchiesta complessa da parte di diverse agenzie d’intelligence europee e sono stati annunciati dal ministro dell’Interno del Belgio, Jan Jambon.

L’operazione contro la presunta cellula dormiente è iniziata sabato 30 giugno, quando i membri del gruppo delle forze speciali del Belgio hanno fermato una Mercedes a Bruxelles. Nell’auto, una coppia belga sposata di discendenza iraniana, nominata nei rapporti dei media come Amir S., 38 anni, e Nasimeh N., 33. Secondo il Ministero dell’Interno belga, Nasimeh N. avrebbe trasportato 500 grammi di esplosivo triacetone tripossido (TATP) e un detonatore all’interno di una borsa da toeletta. Il giorno seguente, domenica 1 luglio, la polizia tedesca ha arrestato Assadollah A., un diplomatico iraniano di stanza nell’ambasciata iraniana a Vienna. Secondo i rapporti, il diplomatico era alla guida di un’auto a noleggio nel sud-est della Baviera, in Germania, diretto in Austria. Lo stesso giorno, una quarta persona, che non è stata nominata, è stata arrestata dalle autorità in Francia, a quanto riferito in relazione agli altri tre arresti.

I quattro detenuti erano in contatto tra loro e presumibilmente lavoravano per il governo iraniano. Tutti e quattro sono stati accusati di un presunto complotto sventato per bombardare la conferenza annuale del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (NCRI) che si è svolta sabato scorso, 30 giugno, in un sobborgo di Parigi. Il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana è un gruppo di copertura di dissidenti iraniani con base in Francia, guidato da Mujahedin-e Khalq (MEK), un gruppo militante che ha radici nell’Islam radicale e nel marxismo. Tra il 1970 e il 1976, il gruppo ha assassinato sei funzionari americani in Iran e nel 1970 ha cercato di uccidere l’ambasciatore degli Stati Uniti nel paese. Inizialmente ha sostenuto la rivoluzione islamica del 1979, ma in seguito ha ritirato il suo appoggio, accusando il governo dell’Ayatollah Khomeini di “fascismo”. Ha continuato le sue operazioni dall’esilio, principalmente dall’Iraq, dove i suoi membri armati sono stati addestrati dall’Organizzazione per la liberazione della Palestina e da altri gruppi di sinistra arabi.

Fino al 2009, l’Unione Europea e gli Stati Uniti consideravano ufficialmente il MEK un’organizzazione terroristica. Ma l’odio giurato del governo in Iran l’ha portato vicino a Washington dopo l’invasione statunitense dell’Iraq del 2003. Nel 2006, le forze armate statunitensi stavano collaborando apertamente con le forze del MEK in Iraq, e nel 2012 il gruppo fu lasciato cadere dalle organizzazioni terroristiche straniere del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Oggi il gruppo gode di una protezione aperta dall’UE e dagli Stati Uniti.

Secondo le autorità belghe, i quattro membri della cellula dormiente iraniana stavano progettando un attacco alla riunione del CNRI sponsorizzata dal MEK a Parigi su istruzioni del governo iraniano. Tra i partecipanti alla conferenza c’erano oltre 30 alti funzionari statunitensi, tra cui l’avvocato personale del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, Rudy Giuliani.

Parlando a Bruxelles questa settimana, il ministro dell’Interno del Belgio, Jambon, ha elogiato le agenzie d’intelligence, sicurezza e forze dell’ordine del paese che hanno sventato il presunto attacco a Parigi.

Mohammad Javad Zarif, ministro degli esteri iraniano, ha definito le accuse della presenza di una cellula dormiente iraniana come “fake news” .

 

Diplomatico iraniano e 3 membri di una “cellula dormiente” iraniana arrestati in 3 paesi europei

INTELLIGENCE | 0 Comments

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>