Espulsi dall’Olanda due diplomatici iraniani

Views

L’ambasciata iraniana Hague Holland ha espulso due diplomatici iraniani senza spiegare i motivi, alimentando così l’ipotesi che le espulsioni possano essere collegate agli arresti di membri di una presunta cellula dormiente iraniana in Belgio, Germania e Francia la settimana scorsa.

Venerdì, un portavoce del Servizio di intelligence e sicurezza generale (AIVD) dell’Olanda ha detto ai giornalisti che “due persone accreditate presso l’ambasciata iraniana” all’Aia “sono state espulse dai Paesi Bassi il 7 giugno”. Il portavoce ha continuato dicendo che, sebbene l’AIVD fosse in grado di confermare che le due persone senza nome erano state espulse dal paese, non avrebbero “fornito ulteriori informazioni”. Quando i giornalisti contattarono il Ministero degli Affari Esteri dell’Olanda, fu loro detto che non ci sarebbe stato alcun commento in merito al governo olandese.

Venerdì scorso, l’agenzia di stampa Reuters ha citato un anonimo “funzionario del governo europeo e una fonte di intelligence occidentale” che ha detto che i due membri dell’ambasciata iraniana sono stati espulsi dall’Olanda “fino a due mesi fa”. Ma la Dutch Broadcast Foundation (NOS), di proprietà statale dell’Olanda, ha riferito che le espulsioni sono avvenute il 7 giugno.

Non sono state rese disponibili ulteriori informazioni. Tuttavia, supponendo che le espulsioni abbiano avuto luogo la scorsa settimana, e non due mesi fa, sembrano aver coinciso con gli arresti dei membri di una presunta cellula dormiente iraniana il 30 giugno e il 1 luglio.

Come hanno riferito intelNews la scorsa settimana, gli arresti sono iniziati il 30 giugno, quando membri del gruppo delle forze speciali del Belgio hanno arrestato una coppia belga sposata di discendenza iraniana a Bruxelles. La coppia è stata trovata per trasportare esplosivi e un detonatore. Il giorno seguente, il 1 luglio, la polizia tedesca ha arrestato un diplomatico iraniano di stanza nell’ambasciata iraniana a Vienna, in Austria. Lo stesso giorno, una quarta persona, che non è stata nominata, è stata arrestata dalle autorità in Francia, a quanto riferito in relazione agli altri tre arresti.

Tutti e quattro gli individui sembrano essere stati accusati di un complotto sventato per colpire con una bomba la conferenza annuale del Consiglio nazionale della resistenza dell’Iran (NCRI) che si è svolta il 30 giugno a Parigi. L’NCRI, guidato da Mujahedin-e Khalq (MEK), è un gruppo militante marxista che ha radici nell’Islam radicale e nel marxismo. Fino a pochi anni fa, il MEK è stato designato come gruppo terroristico dall’Unione Europea e dagli Stati Uniti, ma da allora è stato reintegrato a Bruxelles ea Washington. C’è anche la possibilità che le espulsioni della scorsa settimana in Olanda possano essere collegate agli assassinii di espatriati iraniani dissidenti in Olanda negli ultimi anni, che sono stati attribuiti al governo di Teheran.

Sabato, il ministero degli Esteri iraniano ha convocato l’ambasciatore olandese per protestare contro le espulsioni dei suoi diplomatici, mentre un portavoce del ministero ha avvertito che “la Repubblica islamica si riserva il diritto di vendicarsi”.

Espulsi dall’Olanda due diplomatici iraniani

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>