Filippine, sta nascendo un nuovo Califfato, l’allarme degli esperti d’intelligence

Views

Il numero di combattenti stranieri dello Stato islamico che entrano nelle Filippine sta crescendo e lo slancio che generano tra i gruppi islamici locali potrebbe spingerli a dichiarare un nuovo califfato. Il quotidiano britannico The Guardian ha citato “un alto funzionario dell’intelligence” che ha affermato che tra 40 e 100 combattenti stranieri si sono uniti allo Stato islamico nelle Filippine meridionali negli ultimi 12 mesi. La maggior parte proviene da paesi vicini, come Indonesia, Malesia e Singapore. Ma ci sono anche combattenti provenienti da Pakistan, Bangladesh e diversi paesi del Medio Oriente, ha detto l’ufficiale dei servizi segreti. Uno di loro, un militante marocchino, ha compiuto un attentato suicida a Lamitan, sull’isola di Basilan, a sud di Mindanao, nel luglio di quest’anno, uccidendo 11 persone. Ci sono timori tra gli esperti che lo Stato islamico possa dichiarare presto un nuovo califfato, dato che il sostegno locale all’islamismo militante sta crescendo.
In seguito all’ascesa dello Stato islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS, in seguito ribattezzato Stato islamico) nel 2014 in Medio Oriente, diversi gruppi islamisti nelle Filippine hanno dichiarato fedeltà all’emiro dello Stato islamico, Abu Bakr al-Baghdadi. Hanno incluso combattenti di Abu Sayyaf, Ansar al-Khilafah, il gruppo Maute, i combattenti della libertà islamica di Bangsamoro e altre fazioni minori attive nell’isola di Mindanao, nel sud delle Filippine. Nel maggio 2017, questi combattenti hanno lanciato un attacco congiunto a Marawi, la capitale della provincia di Lanao del Sur, a Mindanao. Entro 48 ore, avevano occupato l’intera città di 200.000 persone e l’hanno dichiarata la capitale della “Asia orientale Wilayah”, una provincia d’oltremare dello Stato islamico. Tra questi c’erano circa 80 combattenti stranieri provenienti da dozzine di paesi. Dopo la dichiarazione del califfato, gli insorti hanno lanciato diversi appelli  sui social media affinché gli islamisti stranieri si unissero a loro. Molte decine di persone provenienti dal mondo musulmano e dall’Europa occidentale hanno tentato di farlo, secondo la polizia filippina.
La violenta acquisizione di Marawi ha provocato un contrattacco da parte delle Forze armate filippine, che ha lanciato un’operazione di guerra urbana su larga scala il 23 maggio 2017. Le ostilità si sono concluse il 17 ottobre 2017, quando il governo filippino ha dichiarato la vittoria contro lo Stato islamico . L’operazione militare è  nota come “la battaglia di Marawi” e si ritiene che sia stata la più lunga battaglia urbana nella storia delle Filippine dopo la seconda guerra mondiale. Più di 1.200 persone sono morte nella battaglia di cinque mesi, la maggior parte di loro civili. Centinaia di migliaia di persone rimangono sfollate fino ad oggi come risultato dei combattimenti.
Secondo The Guardian, le informazioni raccolte dai combattenti islamici locali e stranieri nel paese suggeriscono che il sostegno allo Stato islamico tra i musulmani locali sta crescendo, in seguito a tre fattori: primo, l’arrivo di dozzine di combattenti stranieri temprati dalla battaglia che sollecitano i locali a combattere. Secondo, la disaffezione della popolazione musulmana locale a causa delle dure condizioni economiche nelle depresse regioni meridionali delle Filippine. In terzo luogo, diffusa insoddisfazione per i crescenti livelli di corruzione tra i funzionari governativi nelle province meridionali. Un esperto, Zachary Abuza, analista del Sud-Est asiatico presso il National War College degli Stati Uniti, ha detto al Guardian che le Filippine del sud sono un importante santuario per lo Stato islamico, perché “c’è abbastanza spazio non governato o  poco governato”.

Filippine, sta nascendo un nuovo Califfato, l’allarme degli esperti d’intelligence