Hackerati siti strategici tedeschi. Germania accusa Mosca

Views

Il capo dell’agenzia di sicurezza interna tedesca ha pubblicamente accusato il governo russo di un attacco informatico su vasta scala che avrebbe preso di mira i fornitori di energia tedeschi. Le accuse seguono un annuncio del 13 giugno dell’Ufficio federale tedesco per la sicurezza delle informazioni (BSI), incaricato di proteggere le comunicazioni elettroniche del governo tedesco. Secondo il BSI, un attacco diffuso e sistematico contro le reti energetiche della Germania sarebbe in corso da almeno un anno. L’attacco, che ha il nome in codice BERSERK BEAR, consiste in vari tentativi da parte degli hacker di compromettere le reti informatiche utilizzate dalle aziende tedesche che forniscono elettricità e gas naturale ai consumatori in tutto il paese.
Gli attacchi sono stati per lo più infruttuosi, ha detto BSI, poiché hanno violato solo alcune reti di computer dell’ufficio. Le reti energetiche sono rimaste in gran parte inalterate da BERSERK BEAR, ha detto BSI. Ma l’agenzia si è rifiutata di rivelare informazioni sulla portata dei presunti attacchi informatici e delle società che erano state prese di mira. La situazione è ora “sotto controllo”. Mercoledì, Hans-Georg Maassen, direttore dell’Ufficio federale tedesco per la protezione della Costituzione (BfV), ha dichiarato in un’intervista che il governo russo era molto probabilmente responsabile degli attacchi. C’erano “numerosi indizi che puntano alla Russia”, ha detto Maassen, compreso il metodo con cui è stato effettuato l’attacco.
All’inizio di questo mese, gli Stati Uniti hanno imposto per la prima volta sanzioni economiche alle società russe che lavorano sui cavi di comunicazione sottomarini utilizzati dai paesi occidentali. Una delle società è stata identificata dal Dipartimento del Tesoro statunitense come Digital Security, che secondo Washington ha aiutato le agenzie di intelligence russe a sviluppare le loro capacità informatiche offensive. Due delle sussidiarie di Digital Security, Embedi ed ERPScan, sono state inoltre inserite nell’elenco delle sanzioni del Dipartimento del Tesoro statunitense. Ma il Cremlino nega con forza queste accuse. Mercoledì, un portavoce dell’ufficio della presidenza russa ha detto che Mosca non aveva idea di cosa Maassen stesse parlando “. Un portavoce del ministero degli Esteri russo ha detto ai giornalisti  che la Germania e gli altri paesi “dovrebbero fornire fatti” per giustificare le  accuse.

Hackerati siti strategici tedeschi. Germania accusa Mosca

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>